Acido muriatico lanciato su un bimbo rom a Napoli

AmbulanzaNapoli, 16 ottobre- Bimbo di un anno e mezzo colpito da acido muriatico, lanciato da un balcone.
Il piccolo, come ogni giorno giocava in strada vicino ad una fontanella, accanto a lui la mamma e un amico, un benzinaio che lavora poco distante. Mamma e piccolo si trovavano lì in attesa del padre che vende fazzoletti e accendini al semaforo vicino, tutto come sempre, tutto normale.
Poi il bambino urla disperato, la maglietta e la pelle bruciano inesorabili, l’amico gli strappa i vestitini di dosso e cerca aiuto nella farmacia accanto.
La mamma disperata corre dal marito.
Viene chiamato subito il 118, mentre tutto il quartiere si attiva per quella famigliola che conosceva e spesso aiutavano, arriva l’ambulanza, il verdetto inesorabile: acido muriatico, ustioni su tutto il corpo, colpiti viso, nuca, torace e braccia.
Inizialmente la polizia ipotizza l’incidente, dell’acido caduto da uno dei balconi della palazzina su via Andrea Doria, durante la pulizia dei terrazzi.
Poi la tremenda verità viene a galla ed è proprio l’amico, benzinaio napoletano a raccontarla agli investigatori << sono due settimane- ha detto in stato di shock, agli agenti-  mamma e figlio sono presi di mira, prima solo acqua, poi acqua sporca, poi candeggina e infine l’irreparabile, acido muriatico>>.
Cresce lo sdegno in una quartiere dove mai era stata dimostrata intolleranza o razzismo verso i gruppi nomadi poco distanti, le indagini del commissariato San Paolo si concentrano sulla palazzina di 4 piani, 4 famiglie, una ha lanciato l’acido.
Hanno trovato un ragazzo che vive con i genitori e aveva acido muriatico in casa, sembra soffra di problemi psichici, ma ancora troppo poco per denunciarlo. Intanto in Procura ? partita l’indagine al momento contro ignoti, per lesioni gravissime.
Bimbo e mamma, assistiti dalla solidarietà di tutto il quartiere, rimangono in ospedale, il piccolo ne avrà per 20 giorni, probabilmente rimarranno cicatrici, sicuramente non solo fisiche.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here