Bologna, scuola media senza porte. Mancano i fondi

Scuola BolognaBologna, 28 ottobre – In aula senza le porte. Succede  Molinella, comune in provincia di Bologna, dove in una scuola media sono state smontate tutte le porte di tutte e 15 le aule perché non a norma di legge e da allora non sono state rimontate. Quindi gli alunni e le insegnanti si ritrovano a fare lezione in “aule aperte“. La richiesta è stata, infatti,  presentata al comune diverso tempo fa ma i fondi per sostituirle non ci sono e la scuola ha scelto la via più radicale: via gli infissi.

E scatta subito la polemica dei genitori: «Prima di fare questi atti di autorità, senza consultare nessuno, si poteva almeno aprire una discussione, il disagio è più che evidente» dice Gabriele Argazzi, rappresentante di classe. Ma i soldi non ci sono, i tagli all’istruzione sono sempre più consistenti e pagarne le spese sono gli studenti e l’intero sistema sociale del Paese. «Capisco il disagio, la lezione è un po’ difficoltosa – allarga le spalle il vicepreside dell’istituto – ma non ci hanno concesso da Roma classi in più, e noi dobbiamo garantire la sicurezza, rispettare la normativa. Abbiamo chiesto al comune nuove porte, ma anche gli enti locali hanno problemi di risorse. Nel frattempo a tutela dei ragazzi è stata presa la decisione di togliere le porte vecchie». Una strada attuata anche per quattro classi alle elementari del paese.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here