Joele Leotta, Mazzanti: «Teniamo alta la tensione della polizia»

Joele-LeottaRoma, 29 ottobre – Joele Leotta, 19 anni, era partito in Inghilterra a Maidstone per trovare lavoro, la sua prima esperienza all’estero finita in tragedia: massacrato di botte assieme al suo compagno di stanza Alex Galbiati, vivo per miracolo. L’aggressione presumibilmente legata al “furto dei posti di lavoro” è stata messa in atto da quattro cittadini lituani che sono stati  identiticati come Aleksandras Zuravliovas, 26 anni, Tomas Gelezinis, 30 anni,  Saulius Tamoliunas, 23, tutti residenti a Maidstone, e il 21enne Linas Zidonis senza fissa dimora.

I quattro ragazzi sono stati accusati di omicidio e di lesioni gravi e verranno giudicati lunedì prossimo di fronte alla Maidstone Crown Court: rischiano almeno 20 anni di carcere.  «Teniamo alta la tensione della Polizia inglese sul caso e abbiamo un loro impegno per una soluzione quanto prima della vicenda» ha dichiarato all’ANSA il Console d’Italia a Londra, Massimiliano Mazzanti che sta seguendo da vicino il caso sperando di fare chiarezza sul movente di quest’omicidio, sintomo allarmante di odio razziale.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here