Roma blindata per la seconda giornata di “sollevazione generale”

manifestazione-roma-19-ottobre-3Roma, 19 ottobre – Mentre piazza San Giovanni si sveglia, va in scena oggi il secondo atto di questa “sollevazione generale“. Questa è la giornata più attesa. Dopo il successo della giornata di ieri, con 30mila persone, oggi si punta a raddoppiare, e la Questura  da oggi lancia l’allarme sulla giornata. Ma ieri i Cobas hanno ribadito di essersi caricati una grande responsabilità proprio per gli allarmismi che eravamo stati fatti sul corteo e che si sono dimostrati assolutamente infondati, così anche oggi procederanno senza indugi per arrivare all’accampada a Porta Pia. 

Ai Cobas, che hanno passato la notte a San Giovanni, si uniranno studenti e centri sociali, in partenza alle 12 dall’università la Sapienza e comitati contro le grandi opere che partiranno alle 14 da piazza della Repubblica. C’è un grande fermento nella piazza di San Giovanni proprio perché tutto funzioni in maniera impeccabile e non prestare così il fianco ad inutili polemiche e strumentalizzazioni che servirebbero solo a distogliere dai veri motivi della protesta.

In queste giornate, almeno fino alle 19 di domenica, Roma resta una città blindata: camionette e defender fanno la spola fra i vari punti sensibili e cordoni di uomini proteggono ministeri e sedi istituzionali. L’esagerata tensione è peggiorata ulteriormente dopo il ritrovamento in viale Regina Margherita di un camion contenente manganelli, biglie di ferro, spranghe e altri oggetti atti ad offendere, che ha portato all’espulsione di 5 presunti antagonisti francesi. In campo saranno schierati 4mila agenti (numeri da G8 di Genova) dei reparti antisommossa di polizia, carabinieri e guardia di finanza, a fronte di almeno 50mila manifestanti attesi.

Dopo una settimana di blitz, occupazioni e sit-in in vista della “sollevazione generale” di oggi, il percorso autorizzato si è ristretto sempre più, tanto che dovrebbe terminare di fronte alla biblioteca Nazionale, ma ieri dal palco i Cobas ripetevano che si preparano all’acampada a San Giovanni.

I toni di questa sollevazione generale saranno indubbiamente duri e accesi, ma speriamo non scoppi l’esasperazione fra gruppi antagonisti e polizia, che finirebbero per far dimenticare le onorevoli ragioni di questa mobilitazione.

Ovviamente sarà un’altra giornata giornata nera per il traffico, molte strade del centro sono state già chiuse per i controlli delle forze dell’ordine. Deviate molte linee di Atac e tram e chiusa la metro San Giovanni. Ma visto che si annuncia un proseguimento del corteo fuori dal percorso autorizzato, altra linee potranno subire variazioni.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here