Bambino tenta il suicidio, il padre gli aveva tolto la play station

Roma, 5 novembre Unasuicidio storia normale: brutto voto a scuola, punizione. Ma questa volta finisce in tragedia, il piccolo tenta il suicidio.

Un bambino di 13 anni di Bergamo passa tutti i suoi pomeriggi a giocare alla play station ed è poco interessato allo studio. Il gioco virtuale è diventato essenziale per lui, quasi non riuscirebbe a vivere senza.

Il padre però è esausto della situazione e dell’ossessione del figlio, così all’ennesimo brutto voto, si fa prendere dalla rabbia e rompe la play station del figlio.

Il 13 enne disperato, è uscito sul balcone e si è buttato dalla finestra, tentando il suicidio. Il volo di dieci metri gli ha provocato fratture in tutto il corpo e una commozione celebrale, trasportato d’urgenza all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo è sotto osservazione, ma non sembra in pericolo di vita.

Il tentato suicidio si è verificato sabato, anche se si è saputo solo oggi.

Tornano in auge tutte le polemiche contro i giochi virtuali e il tipo di dipendenza che possono dare, non solo ai bambini, ma anche agli adulti, tanto da spingere, come in questo caso al suicidio.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here