Fiom, protesta al ministero, una scatola per ogni azienda in esubero

Roma, 11 dicembre- fiomCome promesso i metalmeccanici della Fiom sono giunti oggi a Roma con circa 30 camper per chiedere al governo una politica industriale che abbia al centro la difesa dell’occupazione, dei diritti e di un nuovo modello di sviluppo. Sono giunti a piazzale Flaminio e da qui si sono divisi in gruppi per assediare i vari obiettivi, fra cui il ministero dell’Economia e il ministero del Lavoro. Proprio sotto al palazzo dello sviluppo economico è stata inscenata, insieme a Landini, una particolare protesta innalzando un muro di scatole. Su ogni scatola c’era il nome di un’azienda che ha già dichiarato la cassa integrazione o comunque prossima all’esubero, come per esempio Selex, Electrolux, Indesit, Industrie metallurgiche, Lucchini, Fiat Cnh, Pirelli. Il muro contava 100 “mattoni” e, oltre il nome delle aziende, e il numero esatto degli esuberi previsti, ricordiamo fra le altre la Fiat Mirafiori con sei mila esuberi, la Fiat Sata di Melfi con cinque mila, la Fiat di Cassino con quattro e l’Ilva di Taranto con 11 mila. Dopo alcune accuse reciproche fra la Fiom e i forconi, oggi non ci sono stati contatti, sempre attento però il controllo dei corpi celeri per tenere i due gruppi ben separati. Dopo alcune ore Maurizio Landini ha abbattuto il muro, come segnale sia per gli imprenditori che per il governo, ricordando  Roger Waters, leader dei Pink Floyd.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here