Tifosi di Roma e Lazio in protesta, la Curva Sud: “Prenda posizione la società”

Continua la protesta delle tifoserie di Lazio e Roma e adesso il pericolo di un derby senza Curve è sempre più alto. La Curva Sud: “L’A.S. Roma prenda posizione”

Da mesi il cuore delle tifoserie di Lazio e Roma protestano a causa delle norme anti violenza stabilite da Gabrielli e proprio in settimana la Curva Nord ha annunciato che l’8 novembre, quasi sicuramente, non entrerà allo stadio in occasione del derby. Una presa di posizione netta da parte della gente, che parla di distruzione del tifo. “Pensiamo sia la cosa più giusta per dimostrare il grave danno perpetrato ai tifosi della Lazio. La settimana prossima daremo l’ufficialità. Altra cosa molto triste sono le direttive della Federcalcio – continua la nota della Curva Nord – sulla regia preventiva delle partite in cui non verranno inquadrati striscioni e fumogeni, non ricordando che il tifoso è la locomotiva di questo sistema. Chi va allo stadio vuole vedere lo spettacolo rappresentato da tutti e non solo dai 22 calciatori in campo. Prosegue così la protesta contro la società e la prefettura che ha stabilito la divisione della curva”.

E non è da meno la Curva Sud. Proprio ieri, sempre attraverso un comunicato, la tifoseria giallorossa ha voluto rilasciare dichiarazioni indirizzate alla società, sollecitandola a prendere una posizione ufficiale:

“Eccoci con l’ennesimo comunicato, ma questa volta diverso in quanto se non ci sarà una presa di posizione da parte della A.S. Roma, per noi è l’ultimo.

Siamo solo ragazzi innamorati della Curva Sud e della maglia giallorossa, noi non abbiamo secondi fini, non ambiamo a posti di potere, guadagni oppure favoritismi, quindi mai e poi mai accetteremo la situazione attuale. È giusto che tutti sappiano!!!
Non possiamo stare immobili davanti ad una società che non tutela i propri tifosi e non reggiamo il gioco a nessuno, siamo quello che siamo, pieni di difetti, ma di sicuro non dei collusi. In attesa di una presa di posizione ufficiale da parte della società, sottolineiamo e ribadiamo che questo è il solo ed unico comunicato della Curva Sud e che successivamente, chiunque dica o faccia qualcosa in nome della Sud è un millantatore.
Abbiamo abbandonato gli spalti per colpa di assurde imposizioni che non accettiamo e non accetteremo mai, ci avete tolto l’Obelisco con ancora più assurde denunce, ma non ci toglierete mai la dignità di tifare liberamente e l’onestà nel dire le cose come stanno alla gente che ci segue. Ora sta voi, società e chiunque sia complice o artefice di questo scempio, dimostrare a TUTTI la vostra buona fede e dimostrare soprattutto che non volete cancellare per SEMPRE la parola PASSIONE da quello che da sempre è il fulcro del tifo della A.S. Roma: la Curva Sud.
Insulti, diffide, multe, biglietti, vetri divisori, rimborsi mancati E bugie varie…ora basta!
NESSUNO può comprarci perché noi non siamo in vendita!!!
COLLUSI E COMPLICI MAI!!!”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here