Lulic e Klose guidano la rimonta della Lazio: contro il Bologna finisce 2-2

Lazio dal doppio volto: spreca un tempo e nella seconda frazione di gioco recupera lo 0-2

Dopo la vittoria incoraggiante ottenuta sabato scorso contro la Fiorentina, la Lazio, come detto da mister Pioli, deve capire cosa vuole fare da grande e per questo è chiamata a far conferme nella trasferta di Bologna. Donadoni punta sul tridente formato da Giaccherini, Destro e Mounier per mettere in difficoltà la difesa biancocelesti, mentre Pioli segue il detto “squadra che vince non si cambia” e punta ancora una volta su Keita.

I falsinei impiegano solo 2′ per rendere difficile il pomeriggio ai biancocelesti e grazie a un calcio di punizione battuto splendidamente da Giaccherini, stavolta non poteva nulla Berisha, trovano subito il vantaggio. A questo punto la Lazio deve completamente riorganizzare la manovra di gioco, ma in realtà non riesce mai ad essere incisiva e a creare chiare occasioni da gol e al 18′ subisce il raddoppio sugli sviluppi di un calcio d’angolo. In quest’occasione la difesa della Lazio è troppo lenta e il pallone arriva in area a Destro, che tira violentemente e batte ancora una volta Berisha (il portiere tocca ma non blocca). Nessuna reazione da parte dei giocatori guidati da Pioli. La manovra di gioco è troppo lenta e diventa fin troppo facile e prevedibile per il Bologna bloccare il fraseggio. Al contrario, ogni volta che i padroni di casa avanzano è un pericolo e, infatti, per due volte sfiorano il 3-0 ed entrambe le volte con Brighi: prima ha una grande occasione in area di rigore, ma Mauricio salva tutto e respinge, poi ci riprova al 33′ dopo uno sfondamento sulla destra di Mounier e il suo tiro finisce fuori di poco. Allarmante la differenza di intensità di gioco di Bologna e Lazio, con la prima sempre in campo con grande grinta e pronta a pressare ogni avversario in possesso del pallone e la seconda, invece, lenta, slegata, disattenta e mai pericolosa. Troppo poco in attacco (zero tiri in porta) e molto male in difesa, il doppio svantaggio è più che meritato.

Ben due cambi per Pioli al rientro: fuori Parolo e Djordjevic, dentro Lulic e Klose. Ancora una volta Keita si invola sulla sinistra, ma sua è un’azione solitaria perché il suo pallone in area non viene respinto da nessun compagno di squadra. I biancocelesti sono obbligati ad attaccare e al 52′ il Bologna rischia di riaprire la partita quando Gastaldello devia il pallone e quest’ultimo supera anche Mirante. Ma la fortuna è dalla sua parte e la sfera di gioco si infrange contro il palo. Keita è sempre protagonista è al 61′ è sua la conclusione che arriva dopo una bella combinazione con Lulic. È al 70′ che la Lazio ha la grande occasione per riaprire partita e l’azione è targata Lulic-Klose. il bosniaco crossa in area e trova il tedesco che viene steso in area da Masina. Nessun dubbio per l’arbitro: rigore ed espulsione. Sul dischetto va Candreva, che segna con un pallonetto. E la Lazio del secondo tempo è completamente diversa da quella inesistente della prima frazione di gioco: si sente più forte grazie all’uomo in più e più sicura. E alla fine arriva la rimonta grazie a Lulic. Klose va a combattere su un pallone vicino alla rimessa laterale, lo riconquista, avanza sulla fascia, crossa e serve alla perfezione Lulic, che non sbaglia il gol del pareggio. La Lazio chiude in attacco, ma finisce 2-2.

Lazio in versione Dr. Jekyll e Mr. Hyde. Un primo tempo nullo e di sofferenza contro il Bologna, l’unico a salvarsi è Keita, ma nel secondo tempo sono proprio i subentrati a caricarsi la squadra sulle spalle e Klose, finalmente apparso in forma, prima si è conquistato il rigore e poi ha fatto l’assist decisivo del 2-2. Ancora una volta Pioli cambia al 45′, ma a questo punto sorge spontanea la domanda: perché non dare fiducia da subito a quei giocatori che poi subentrati cambiano il volto alla partita? Lazio che ha saputo rimettersi in corsa, ma deve trovare più equilibrio per poter tornare protagonista in campionato.

Social

NESSUN COMMENTO

Rispondi