Sostituzione vecchie caldaie, partito il bando per la provincia di Roma – info

Al via il bando per la sostituzione vecchie caldaie. Sarà possibile presentare la domanda fino al 31 ottobre 2017


Al via il bando per la sostituzione vecchie caldaie. Sarà possibile presentare la domanda fino al 31 ottobre 2017
A partire dal primo giorno di febbraio e fino al 31 ottobre 2017, anche in tutta la provincia sarà possibile presentare la domanda per partecipare al bando pubblico per “la concessione di contributi ad utenti di impianti termici a uso domestico che intendano sostituire la caldaia obsoleta con una di nuova generazione ad elevato risparmio energetico ed a basso impatto ambientale“.
L’iniziativa, promossa dal 1 Dipartimento IV Servizio 3 della città Metropolitana di Roma Capitale, ha il compito di coinvolgere tutte le città europee nel raggiungimento di un obiettivo finalizzato alla sostenibilità energetica, fissato dal Protocollo di Kyoto nel lontano 1997. Per poter beneficiare del contributo è necessario essere in regola con la manutenzione della propria caldaia o impianto energetico nei 4 anni precedenti, avere un indicatore ISEE del nucleo familiare non superiore ai 30 mila euro ed essere titolare del diritto di proprietà o di altro diritto legale di godimento sull’unità immobiliare.
Le unità immobiliari possono far parte di condomini o essere unità immobiliari singole. I cittadini, inoltre, non devono far parte di un comune aventi una popolazione fino a 40 mila abitanti, ossia tutti i Comuni ad esclusione di Roma, Anzio, Ardea, Civitavecchia, Fiumicino, Guidonia Montecelio, Ladispoli, Nettuno, Pomezia, Tivoli, Velletri. Sono ammessi a contributo gli interventi per la sostituzione di caldaie installate da almeno 10 anni (come certificato dal libretto di impianto) alla data del 31 dicembre dell’anno precedente la richiesta di contributo, con altra nuova di fabbrica, classificata 3 stelle o categorie superiori, da installare a servizio dell’impianto termico individuale o condominiale per la climatizzazione invernale con eventuale produzione di acqua calda sanitaria.
La misura del contributo concedibile per impianti di tipo domestico (potenza nominale inferiore a 35 kW), è stabilita come segue: ISEE 0 – 12.000 euro 80% fino a un massimo di € 800,00 ISEE 12.001 – 20.000 euro 60% fino a un massimo di € 600,00 ISEE 20.001 – 30.000 euro 40% fino a un massimo di € 400,00 3 Dipartimento IV Servizio 3Tutela Aria ed Energia“.
La misura del contributo concedibile per caldaie di tipo collettivo a servizio di un impianto centralizzato in edifici residenziali, è stabilita come segue: 80% della spesa, IVA compresa, sostenuta per l’acquisto della nuova caldaia, fino ad un massimo di € 2 mila; per gli interventi a favore di impianti condominiali è previsto un ulteriore contributo per l’installazione di contabilizzatori di calore nelle singole unità immobiliari, pari all’80% della spesa, IVA compresa, sostenuta per la fornitura degli apparecchi contabilizzatori, fino ad un massimo di € 2500.
Sarà finanziato un solo contributo per unità immobiliare; gli amministratori condominiali possono chiedere un solo contributo per ciascun condominio. Il contributo sarà liquidato a conclusione dei lavori e su presentazione della documentazione secondo le modalità previste dal bando stesso. Per la presentazione della domanda di ammissione a contributo saranno disponibili tre finestre annuali, pertanto la stessa dovrà pervenire esclusivamente all’interno dei seguenti periodi: dal 1 al 28 FEBBRAIO dal 1 al 30 GIUGNO dal 1 al 31 OTTOBRE. Le domande pervenute al di fuori dei suddetti termini non verranno prese in considerazione. Per scaricare i moduli necessari e per conoscere tutta la documentazione necessaria, per saperne di più, cliccare qui.
 
Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here