Sotto sfratto minaccia di darsi fuoco, il racconto della famiglia


Una mattinata drammatica quella vissuta da Lucia Valentini, la donna che insieme ai due figli, alla nuora e al nipote di appena un mese ha visto oggi bussare alla sua porta l’ufficiale giudiziario in esecuzione all’ordine di sgombero dell’appartamento al primo piano delle palazzine popolari di via Albona a Villa Gordiani. (IL RACCONTO DELLA MATTINATA)

Signora Valentini come mai siete in questa situazione?

Non per nostra scelta ma per necessità. Io sono invalida al 100% e sulla sedia a rotelle  I miei due figli sono disoccupati e nonostante la costante ricerca di lavoro al momento attuale ci troviamo a vivere con la mia pensione di invalidità.

Come vivete ora?

Non si tratta di vivere quanto piuttosto di sopravvivere. Purtroppo le mie condizioni sono precarie e non mi consentono di vivere serenamente. Con me poi c’è anche mio nipote di appena un mese che di certo non può vivere in strada. Se potessimo trovare una soluzione, un lavoro, di certo tenteremo di vivere rispettando la legge. Non sono infatti contenta di infrangerla. Ma purtroppo non possiamo fare altrimenti.

Avete presentato domanda per un alloggio popolare?

Certamente. Abbiamo presentato tutta la documentazione ormai da anni. E avremmo anche il punteggio necessario. Purtroppo però ancora non ci è stata assegnata una casa popolare e quindi ci troviamo in questa situazione spinti dalla disperazione.

 

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here