Villa Gordiani, minaccia di darsi fuoco per evitare lo sfratto

L’INTERVISTA ALLA FAMIGLIA

9/3/2017 – Polizia, Carabinieri, polizia locale e vigili del fuoco sono da questa mattina in via Albona a Villa Gordiani dove nel corso dello sfratto di una famiglia residente al civico 54 un uomo si è cosparso di benzina minacciando di darsi fuoco.
Il gesto disperato dopo il tentativo di sgombero eseguito in ottemperanza all’ordine di sfratto risalente al 2013. Nell’abitazione, sarebbe presente anche un bambino di appena un mese. Tra le richieste della famiglia avanzate agli operatori dei servizi sociali che sono riusciti ad entrare nell’abitazione dopo che per alcuni minuti si era avvertito un forte odore di bruciato, è quella di poter avere una sistemazione alternativa. Al momento attuale infatti non sarebbe stato prospettato un alloggio dove il nucleo familiare, composto da cinque persone, tra cui una disabile al 100%, possa restare unito. Poco dopo le 14,30 la situazione rientra dopo una lunga trattativa e con la promessa della famiglia di lasciare entro 4 giorni l’appartamento di due camere. Promessa seguita però dal rifiuto di trovare una sistemazione temporanea in 4 diverse strutture.

Sul posto sono intervenuti anche il caschi bianchi del gruppo Sicurezza Pubblica Emergenziale, coordinati dal vicecomandante Lorenzo Botta. “Lo sgombero in corso oggi – ha spiegato il comandante – è il primo di una lunga serie mirata al ripristino della legalità”.

In strada, chiusa al traffico dalla polizia locale, si sono radunate moltissime persone, soprattutto residenti del complesso residenziale. La situazione è in ogni caso tranquilla.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here