Monteverde, incerto il destino della tendopoli in via Ramazzini

07/04/2017 – Mercoledì, il capogruppo alla Camera di Fratelli d’Italia, Fabio Rampelli e il consigliere regionale Fabrizio Santori, hanno incontrato il Prefetto di Roma, per discutere sulle criticità legate al centro d’accoglienza gestito dalla Croce Rossa Italiana a Monteverde in via Ramazzini.

Il primo Hub per migranti posizionato in pieno centro abitato tra i quartieri Monteverde e Portuense crea, secondo i portavoce di Fratelli d’Italia, situazioni di insicurezza ed è al centro di episodi di violenza. I commercianti delle zone limitrofe, si sono visti costretti a rivolgersi alla vigilanza privata per garantire la sicurezza tra le strade interne del quartiere.

Nonostante la situazione sia difficile, è in vigore una proroga-ponte che dura già da oltre 4 mesi. Il Prefetto da canto suo, non conferma la chiusura di questa tendopoli. Ciò che preoccupa è che la dismissione delle tende, venga sostituita dallo sfruttamento di spazi interni attualmente liberi nel grande complesso di via Ramazzini. In questo modo il centro continuerebbe a rimanere in vita, però in un altro luogo.

“Dispiace constatare ancora una volta l’assenza di trasparenza non solo sugli atti ma anche sui numeri reali di questa struttura, nonostante le affermazioni del Prefetto sulla comunicazione ai Municipi di questi dati, per tramite dei tavoli sulla sicurezza – afferma Francesco Bolognesi rappresentante del comitato di Sicurezza di Monteverde – a questo punto dobbiamo pensare che i Municipi si ostinino a tenere incredibilmente secretati i numeri e le riunioni sul tema, non coinvolgendo in alcun modo cittadini, associazioni e comitati di quartiere. Continueremo a chiedere maggiore partecipazione ma soprattutto la chiusura della tendopoli, peraltro dichiarata ufficialmente in parte non idonea dal punto di vista urbanistico-sanitario dalla stessa Prefettura”.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here