Frongia e Coni Lazio nei reparti pediatrici con sei campioni sportivi

Lo sport vicino a chi soffre. È questo il senso dell’iniziativa promossa da Roma Capitale insieme al CONI Lazio per la XIV Giornata Nazionale dello Sport


Lo sport vicino a chi soffre. È questo il senso dell’iniziativa “Regaliamoci un sorriso” promossa da Roma Capitale insieme al CONI Lazio per la XIV Giornata Nazionale dello Sport.

Domenica 4 giugno a partire dalle 9 l’Assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi Daniele Frongia e una delegazione del Coni Lazio guidata dal Presidente Riccardo Viola e composta da alcuni campioni dello sport, tra cui Stefano Pantano (scherma), Tommaso Marconi (tuffi), Cristina Chiuso (nuoto), Bruno Rivaroli (pattinaggio), Vincenzo Santopadre e Flavio Cipolla (tennis), visiteranno i reparti pediatrici degli ospedali Umberto I e Sandro Pertini lasciando piccoli doni di tipo sportivo, ma soprattutto affetto e amicizia.

Vogliamo continuare un percorso iniziato nel 2013 con la prima Giornata Nazionale dello Sport organizzata in un istituto penitenziario, quello della sezione penale maschile di Rebibbia, dove il concetto chiave era quello dello sport diritto di tutti. Una scelta di solidarietà e vicinanza che ribadiamo oggi, in collaborazione con l’Amministrazione capitolina, con queste visite ai reparti pediatrici degli ospedali Pertini e Umberto I.” ha dichiarato il presidente del CONI Lazio Riccardo Viola.

Ci sono tanti bambini che vorrebbero praticare attività sportiva e non possono farlo perché stanno affrontando un momento difficile della loro vita. Vogliamo dire loro che lo sport non li abbandona e li sostiene. Vogliamo regalare un sorriso ai piccoli e stringerci intorno alle loro famiglie. Lo sport deve arrivare ovunque e questo è lo spirito dell’iniziativa organizzata insieme al Coni Lazio a cui ne seguiranno molte altre.” ha dichiarato l’assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi Daniele Frongia.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here