Processo alle streghe di Salem, Bridget Bishop uccisa il 10 giugno 1692

Il processo alle streghe di Salem scoppiò nel 1692 in seguito a fatti emersi nel corso del 1691. Fu quell’anno, infatti, che la figlia e la nipote di Samuel Parris, il parroco del paese, iniziarono ad avere degli strani comportamenti e tanti arrivarono anche ad affermare che le due, Elizabeth e Abigail, fossero possedute. A quel punto non si discuteva di più di malattia, ma di stregoneria, Le ragazze erano taciturne, strisciavano per terra e facevano discorsi incomprensibili.

Scoppiò l’isteria tra la gente e nella colonia inglese partì una delle cacce alle streghe più conosciute della storia.

Il primo processo si tenne il 2 giugno e finì con la condanna a morte di Bridget Bishop, accusata di aver ucciso il secondo marito Thomas Oliver, padre della figlia, grazie alla magia, ma inizialmente non condannata a causa dell’assenza di prove.

Tutto cambiò il 19 aprile 1692 quando fu accusata di stregoneria da cinque ragazze e diversi uomini che dissero di aver subito i suoi sortilegi. Nonostante diverse incongruenze tra le testimonianze, il suo caso si concluse con l’impiccagione avvenuta il 10 giugno dello stesso anno presso la collina delle streghe.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here