Recupero detenuti, a Santa Cecilia il “progetto Fidelio”


La musica non solo fa bene ma sviluppa la ragione e canalizza l’emotività dandole forma. E cantare in coro insegna a esprimersi e costruire nella relazione con gli altri. I poteri terapeutici ed educativi dell’arte dei suoni sono noti, Santa Cecilia li sta usando concretamente nelle case circondariali romane con il progetto Fidelio (dal titolo dell’unica opera teatrale di Beethoven, l’opera della prigionia riscattata e vinta dall’amore): laboratori musicali nelle carceri per il recupero dei detenuti. L’Accademia manda avanti questo speciale programma da aprile, con il sostegno di Cassa Depositi e Prestiti, in stretta collaborazione con il Ministero della Giustizia.

Tutto è cominciato con un concerto del coro di Santa Cecilia a Rebibbia, per i detenuti e il personale carcerario. La risposta dell’insolito pubblico è stata forte, l’interesse alto e l’Accademia ha così pensato di avviare un percorso di alfabetizzazione musicale per i reclusi. Il 24 aprile hanno preso il via due laboratori di canto corale, uno nella casa circondariale femminile uno in quella maschile. Il programma è partito dalle basi: tecniche di respirazione, funzionamento dell’apparato fonatorio, emissione vocale. Poi il lavoro si è spostato sull’intonazione, sui primi elementi di lettura della notazione musicale, sul ritmo.

I partecipanti hanno risposto bene, concentrandosi tra l’altro sulla scoperta della voce come mezzo espressivo. E così per il pomeriggio dell’11 luglio è stato programmato il battesimo del fuoco: un’esibizione dei due cori nel teatro del carcere maschile di Rebibbia, con il supporto di cantanti e strumentisti dell’Accademia.

In futuro Santa Cecilia e Cassa Depositi e Prestiti prevedono di allargare il raggio, portando Fidelioai ragazzi dell’istituto penale per minori di Casal del Marmo. Nel contempo partirà un corso d’introduzione all’ascolto e alla storia della musica dal Medioevo ai giorni nostri, con una serie di concerti tenuti (e illustrati) da musicisti dell’Accademia.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here