Restituita a Roma l’area riqualificata del Basamento Aventino

L’importante intervento di recupero e valorizzazione restituisce la piena funzionalità dell’area e riconquista il lungotevere nella vita della città


Un importante intervento di riqualificazione urbana ha restituito alla pubblica fruizione l’area che mette in collegamento la terrazza del Giardino degli Aranci, lato Torre dei Savelli, con il lungotevere Aventino passando per le pendici di Santa Sabina. Il percorso, aperto al pubblico dall’alba al tramonto dal Servizio Giardini di Roma Capitale, per i prossimi 18 mesi sarà curato e mantenuto, come previsto dall’appalto di gara, dalla ditta aggiudicataria dei lavori Impresa di Costruzioni S.r.l. Pasqualucci.

Il progetto di valorizzazione effettuato, rientra in un più ampio programma strategico che mira alla riconquista del fiume nella vita della città, recuperandone relazioni spaziali, funzionali, infrastrutturali ed ecologiche.

L’intervento, in particolare, ha inteso valorizzare e restituire la piena funzionalità all’area denominata Basamento Aventino, ristabilendo le connessioni con il lungotevere attraverso il recupero dei percorsi pedonali esistenti, trasformando quella che era diventata una “distanza” in una vera e propria risorsa per la città.

L’area, ora riqualificata, versava in uno stato di abbandono tale da non lasciare intravedere, percorrendo il Lungotevere Aventino o affacciandosi dai terrazzi del Giardino degli Aranci o in quello di Sant’Alessio, le tracce del precedente percorso di risalita realizzato negli anni ’30.

Gli interventi di riqualificazione hanno avuto un costo complessivo di € 1.986.562.

Descrizione dell’intervento di riqualificazione

L’estensione dell’area interessata dall’intervento di riqualificazione può essere suddivisa in tre distinte fasce:

la prima fascia, detta di arroccamento, dove si è provveduto al recupero del margine storico di Rocca Savella, del loggiato e del percorso pensile. Qui le lavorazioni hanno riguardato le opere di restauro della terrazza del Giardino degli Aranci e della facciata della Torre dei Savelli, il recupero del loggiato adiacente in cui si è realizzato il consolidamento delle strutture murarie, la ricostruzione delle volte e il rifacimento della copertura.

Il Loggiato così messo in sicurezza può essere inserito all’interno del percorso di visita del giardino, grazie alla realizzazione del collegamento al percorso pedonale con una nuova passerella e due rampe di scale in acciaio corten. L’intervento permette ai visitatori di entrare in diretto contatto con la torre dei Savelli e offre un nuovo scorcio panoramico verso il Tevere. Le opere di restauro hanno poi riguardato la fascia di arroccamento dell’Aventino, dal Giardino degli Aranci al giardino di S. Alessio, con la riqualificazione del “percorso pensile di collegamento” attraverso il rifacimento delle pavimentazioni e il restauro degli apparati murari. L’intervento ha permesso di recuperare l’immagine complessiva del fronte architettonico come era stato concepito nella sistemazione novecentesca.

Sulla seconda fascia, relativa al giardino, lungo le pendici di S. Sabina, sono stati realizzati interventi di consolidamento del pendio: pur nella conservazione del disegno originario sono state realizzate nuove aree di sosta e nuovi percorsi pedonali di collegamento con il loggiato.

Per le aree a verde, si è proceduto alla ridefinizione complessiva del disegno vegetale che era stato compromesso da una piante infestanti (rovi, parietaria, edera, robinie e ailanti). La tipologia di giardino realizzata è idonea alle condizioni morfologiche e di soleggiamento dell’area, privilegiando la bassa manutenzione grazie alla presenza di specie a portamento tappezzante in grado, tra l’altro, di contrastare la colonizzazione da parte delle specie infestanti e contribuire alla stabilità dei terreni superficiali del pendio.

Nella terza fascia, relativa alla parte inferiore delle pendici fino al marciapiede del lungotevere Aventino, gli interventi di recupero hanno ampliato e migliorato lo spazio pedonale favorendo quel processo di riavvicinamento della città al fiume.

Le lavorazioni eseguite sul fronte murario, hanno riguardato il consolidamento della muratura fondante dei contrafforti, il consolidamento e restauro dell’intonaco e l’esecuzione di un completo sistema di fori di drenaggio profondo per risolvere i notevoli problemi di umidità.

Durante queste ultime operazioni, sono stati eseguiti dei carotaggi orizzontali lungo tutte le 15 campate del muro. In una di esse è stato intercettato un ambiente, dove è stata realizzata un’apertura che ha permesso di verificare le dimensioni del vano e analizzare lo stato e la tipologia delle murature retrostanti.

Sulla sede del marciapiede di Lungotevere Aventino si è proceduto, dopo aver riportato in quota l’intera area, a realizzare una nuova pavimentazione in lastre di basalto e posizionare delle nuove sedute. A servizio dell’area è stato realizzato un impianto di smaltimento per le acque reflue posto al di sotto del lungotevere Aventino in sostituzione di quello preesistente e non più funzionante. Su tutta l’area dell’intervento, infine, è stato realizzato, secondo il progetto di ACEA IP, un nuovo impianto di illuminazione.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here