Meleo: “Rivedere convenzione parcheggio Villa Borghese”

Meleo: “Sbloccheremo la situazione individuando un progetto di riqualificazione”


Il parcheggio di Villa Borghese non rimarrà in mano allo spreco. Lo squilibrio originario è stato creato da una vecchia Convenzione del 2007, maldestramente integrata nel 2012, che assegnava alla società Saba Italia la gestione del parcheggio interrato vicino a  Piazza di Spagna a un canone irrisorio di 10mila euro l’anno. A oggi nostra intenzione è rivedere un nuovo equilibrio che consenta di  rappresentare al meglio le esigenze dell’area. Il canone ridotto pagato dall’azienda, la quale tuttavia non ha eseguito i lavori di riqualificazione che rappresentavano condizione necessaria delle agevolazioni, deve essere rivisto”. Lo dichiara in una nota l’assessora alla Città in Movimento di Roma Capitale, Linda Meleo.

“Sbloccheremo la situazione individuando un progetto di riqualificazione che dovrà essere attuato nel più breve tempo possibile o con la Saba, qualora ne ricorrano i presupposti, o con altro operatore, visto che la priorità è la riqualificazione della zona”, prosegue.

In Conferenza dei Servizi, che si è chiusa a dicembre del 2016, sono emerse incongruenze e molteplici criticità del piano. In seguito ad aprile 2017 è arrivato anche il parere negativo del dipartimento di Programmazione e Attuazione Urbanistica, perché venivano meno un serie di interventi che costituivano presupposto essenziale e necessario per l’individuazione del pubblico interesse dell’opera. L’Assessorato ha quindi dato indicazione agli uffici per chiedere un parere a Segretariato e Avvocatura proprio per rivedere i termini di questa concessione.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here