Clinton, l’inizio del Sexgate il 17 gennaio 1998

LONDON, UNITED KINGDOM - SEPTEMBER 22: The front pages of the London national press, 22 September. The first opinion poll taken, after the release by Congress of more than four hours of testimony given by US President Bill Clinton via closed-circuit television on 17 August before a grand jury investigating his relationship with former White House intern Monica Lewinsky, say that more Americans oppose President Bill Clinton's impeachment after the release of his videotaped testimony, a USA Today/CNN/Gallup poll said. (Photo credit should read JOHNNY EGGITT/AFP/Getty Images)

Era il 17 gennaio 1998 quando Bill Clinton, all’epoca presidente degli Stati Uniti d’America, fu chiamato a deporre in merito al caso riguardante Paula Jones, una giornalista statunitense che lo accusò di molestie sessuali avvenute nel maggio del 1991, quando il politico ricopriva la carica di governatore dell’Arkansas.

Fu durante l’interrogatorio del 17 gennaio che Clinton, dopo aver negato ogni accusa, negò anche di aver avuto una relazione con una stagista della Casa Bianca, tale Monica Lewinsky, che durante il processo di Paula Jones fu chiamata in aula insieme ad altri dipendenti a contatto con il presidente. Ma la giovane stagista, assunta nel 1995 e successivamente trasferita al Pentagono, rivelò di aver avuto una relazione con Clinton a una sua collega, Linda Tripp, che in seguito registrò le chiamate con le testimonianze. La donna inocntrò la Leweinsky il 14 gennaio 1998 con addosso un registratore e ricevette dei documenti contenenti una guida sulle cose da affermare e da omettere durante le deposizioni. A far conoscere la realtà dei fatti ci pensò Drudge Report, che diede così il via al Sexgate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here