Il terremoto di Pompei del 5 febbraio 62

Era il 5 febbraio 62 quando avvenne il terremoto di Pompei, con epicentro a Stabia e di intensità compresa tra il 5° e il 6° della scala Mercalli.

Quanto avvenne provocò gravi danni a Pompei, Ercolano, Stabia e Napoli e fu descritto anche dallo scrittore Lucio Anneo Seneca:

“O Lucilio, che sei il migliore fra gli uomini, abbiamo sentito dire che Pompei, frequentata città della Campania, dove si incontrano da una parte le coste di Sorrento e di Stabia e dall’altra quelle di Ercolano, e circondano con una ridente insenatura il mare che si ritrae dal largo, è sprofondata a causa di un terremoto che ha devastato tutte le regioni adiacenti, e che ciò è avvenuto proprio nei giorni invernali, che i nostri antenati garantivano essere al sicuro da un pericolo del genere. Questo terremoto si è verificato alle None di febbraio, durante il consolato di Regolo e di Virginio, e ha devastato con gravi distruzioni la Campania, regione che non era mai stata al sicuro da questa calamità e che ne era sempre uscita indenne, anche se tante volte morta di paura: infatti, anche una parte della città di Ercolano è crollata e anche ciò che è rimasto in piedi è pericolante, e la colonia di Nocera, pur non avendo subito gravi danni, ha comunque motivo di lamentarsi; anche Napoli ha subito perdite, molte fra le proprietà private, nessuna fra quelle pubbliche, essendo stata toccata leggermente dall’enorme disgrazia”.

La distruzione portata dal terremoto contò anche la morte di un gregge di 600 pecore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here