Bersani, migliorano le sue condizioni, ma non è ancora fuori pericolo


Roma, 7 gennaio- Dopo il malore del 5 gennaio migliorano le condizioni di Pier Luigi Bersani, operato nella notte dell’Epifania. L’intervento è durato meno del previsto, e dopo tre ore l’ex segretario del Pd è uscito dalla sala operatoria in buone condizioni, sveglio e collaborativo. Ormai sono quasi trascorse le 48 ore di osservazione senza il verificarsi di complicazioni, così Bersani potrà lasciare la rianimazione ed essere trasferito in reparto. I medici fanno sapere che il paziente è rimasto sempre sveglio e collaborativo, sia prima che dopo l’intervento, tanto da poter parlare con familiari e amici. Sembrano quindi del tutto esclusi danni neurologici, anche se i medici invitano alla calma, dato che in questi casi bisogna aspettare il sesto giorno dall’intervento per averne la certezza. Nella mattinata di ieri, il neo segretario Renzi è entrato da un ingresso secondario dell’ospedale di Parma per fare visita al suo predecessore. Si è detto sconvolto da quanto accaduto a Bersani e gli ha augurato di tornare presto a Roma, per discutere e anche litigare. «Pier Luigi bello tosto, siamo tutti con Bersani, spero di riaverlo presto a Roma per tornare a discutere, confrontarci e anche litigare. – ha esordito Renzi-  Perché con i suoi valori e la sua forza sarà in grado di farsi sentire e di portare avanti la sue idee.- ha poi aggiunto- Ho portato l’abbraccio di tutta la comunità del Pd, e anche personale, alla signora Daniela, alle figlie Elisa e Margherita.  Siamo felici e soddisfatti che la situazione in miglioramento, io sono venuto per un saluto e un abbraccio e a dire che siamo tutti con Bersani. Apprezzo il bellissimo affetto di tutto il popolo del Pd e di tanti cittadini. Speriamo di riaverlo presto tra noi. Finalmente sono arrivate parole d’unione da parte di tutti gli schieramenti, nessuno escluso».

di Elisa Bianchini


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here