Taxi sempre più cari e senza obbligo di rilasciare ricevute

Roma, 29 gennaio- Dopo una dura battaglia, il Tar ha dato ragione ai tassisti romani. Questi, al contrario degli altri liberi professionisti, non saranno obbligati a emettere la ricevuta. Mentre dal 1 marzo sarà obbligatorio per tutti il Pos, in base al regolamento capitolino, i taxi non dovranno dotarsi obbligatoriamente di un tassametro idoneo alla stampa su carta della ricevuta. Nella primavera del 2012 era stato l’allora sindaco Alemanno a permettere alle auto bianche di aumentare le tariffe, senza l’obbligo della ricevuta. Poi però la doccia fredda del dipartimento di mobilità e trasporti del Campidoglio, secondo cui invece la ricevuta era d’obbligo. Nelle stesse ricevute doveva essere contenuto il numero della licenza e il nome del tassista, l’importo richiesto, la data e l’ora, la durata in chilometri della corsa, i minuti e le tariffe applicate. Il Tar però, rispondendo alla richiesta avanzata dai sindacati, ha risposto che in proposito non ci sono norme regionali o statali che obblighino in tal senso i taxi. « Tale obbligo non trova alcun fondamento – si legge nella sentenza – alla luce del quadro normativo, sia statale che regionale, di riferimento. Non risulta inoltre coerente rispetto ai parametri di ragionevolezza e proporzionalità». Infine i giudici amministrativi hanno concluso che un eventuale ricevuta non comporterebbe una tutela in più nei confronti del consumatore. Conclusione controversa, che ha destato non poche domande, visto che ad oggi è impossibile certificare con certezza il reale guadagno dei conducenti dei taxi, con un possibile danno all’Erario.

di Elisa Bianchini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here