Botte e vessazioni sugli alunni. A processo maestro violento

Roma, 15 febbraio- Schiaffi, pugni, umiliazioni continue, questi erano i sistemi di un maestro di scuola elementare nel nord della Capitale. L’uomo invece di utilizzare le comuni note o interrogazioni a sorpresa aveva deciso di punire fisicamente e psicologicamente i bambini a lui affidati, tanto che i piccoli erano terrorizzati dalle ore di matematica e ginnastica. I metodi del maestro violento variavano dai più comuni schiaffi e pugni, allo strofinare il viso dei piccoli sulla lavagna, metterli a testa in giù tenendoli per le caviglie o sollevarli da terra, stringendoli al collo. Il primo a insospettirsi sugli abusi fu nel 2008 il papà carabiniere di uno dei bambini, che sporse denuncia e portò al tavolo degli imputati il sedicente maestro con l’accusa di maltrattamenti e abuso dei mezzi correttivi. L’uomo, allontanato da scuola, e oggi in pensione, doveva rispondere di abusi verificatisi fra il 2005 e il 2008, su bambini fra i 6 e gli 8 anni. In aula sono stati sentiti vari ragazzi che hanno raccontato, alcuni in lacrime, delle violenze e dei continui incitamenti del maestro a picchiarsi fra loro. Il magistrato però ha ridotto l’accusa da maltrattamenti al solo abuso di metodi correttivi, per cui si aspetta la sentenza nella prossima primavera.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here