Campidoglio, le nuove strutture nasceranno ad Ostiense


Roma, 21 febbraio- Il Campidoglio è in procinto di trasferirsi e lasciare gli uffici sul colle, per trasformarli in un museo unico al mondo. Le nuove strutture comunali sorgeranno all’ex terminal Ostiense come una vera e propria città, con piazze, cortili interni, giardini pensili, terrazzamenti e un ponte pedonale. Al centro di questa cittadella ci sarà la ciminiera della vecchia manifattura Tabacchi, come simbolo e unione fra la Roma razionalista dell’Eur e della Sapienza e la Roma istituzionale, capitale d’Italia. Una struttura imponente di 134 mila metri quadrati, che sorgerà a Ostiense, nel piazzale accanto all’ex Terminal, e poi si allungherà fino all’ex manifattura stessa, ristrutturata, fino alla circonvallazione Ostiense.  Nel 2018 il nuovo Campidoglio dovrebbe essere pronto per ospitare i quattro mila dipendenti ed impiegati comunali. Il progettista ha descritto le nuove strutture e l’importanza dei materiali utilizzati «Il travertino ricorderà la lezione del razionalismo romano. – ha dichiarato- E il restauro dell’ex manifattura Tabacchi di Pier Luigi Nervi valorizzerà il cortile, che diventerà la prima di una sequenza di piazze, con la sua alta ciminiera. Lì ci saranno servizi di quartiere: caffetteria, auditorium, museo, che si aggiungeranno a un asilo nido, una palestra, una scuola. Ci sarà un centro civico pubblico e poi si salirà con una grande scalinata, che vuole riferirsi alla cordonata del Campidoglio, al terrazzamento superiore, da dove si accederà agli uffici capitolini. In uno spazio pubblico sopraelevato rispetto al tracciato delle macchine ».

215030171-8974337a-576d-4276-8c2b-009947bd8661

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here