Sei Nazioni: Italia-Inghilterra, Olimpico vicino al sold-out


Roma, 27 febbraio – Ancora poco più di 15 giorni e a Roma si celebrerà la fine del Sei Nazioni 2014. Per l’Italrugby prima l’ultima trasferta a Dublino contro l’Irlanda, ma sale la febbre per la sfida all’Inghilterra, fondamentale come non mai quest’anno per evitare il cucchiaio di legno. Un’impresa quasi impossibile ma il popolo della palla ovale sembra credere nel colpaccio della banda Brunel. Infatti mancano solo millecinquecento biglietti (tutti nel settore distinti) prima del tutto esaurito

Quasi 400.000 gli spettatori dal 2012 nell’impianto romano, sempre stracolmo di gente per le partite degli azzurri e a mostrare tutta la soddisfazione del movimento è il responsabile area eventi della Fir Pier Luigi Bernabò: “L’essere prossimi al tutto esaurito per il 15 marzo, ad oltre due settimane dalla partita è un obiettivo importante per la FIR, ma soprattutto è una conferma dell’impatto che anno dopo anno il 6 Nazioni riesce ad avere sul grande pubblico, che apprezza sempre più la possibilità di vivere un grande evento come il Torneo a trecentosessanta gradi. Siamo soddisfatti della risposta e, insieme ai nostri partner, miriamo ad implementare con nuovi spunti l’esperienza dei nostri appassionati con una attenzione crescente ai momenti di aggregazione e divertimento, che trascendono la partita in sé ed assumono una rilevanza pari a quella dell’appuntamento sportivo”.

Sarà dunque ampiamente battuto l’obiettivo di 120.000 persone per i match interni (oltre 67.000 contro la Scozia) stabilito prima dell’inizio del torneo dal presidente Alfredo Gavazzi. E, come già visto contro gli highlanders, è tutto pronto anche per la grande festa al di fuori dell’impianto: “Il Terzo Tempo Peroni Village sarà aperto a tutti coloro che, in possesso per biglietto per la partita o meno, vogliano vivere da dentro la festa del grande rugby internazionale. Aprire il Villaggio significa far conoscere il nostro mondo e questo Torneo ad una cerchia sempre più ampia di persone, promuovere il rugby ed i suoi valori, far vivere il nostro ambiente e far appassionare sempre più persone”. E, dato che molti appassionati saranno costretti a rimanere fuori, annuncia: “Stiamo valutando di proiettare in diretta sul maxischermo del Villaggio la partita contro l’Inghilterra, per offrire a tutti coloro che lo vorranno l’opportunità di vivere l’evento anche lontano dagli spalti, per una giornata di festa e di sport che possa essere fruibile da un numero ancora più vasto di appassionati”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here