Corteo sindacati: “No a privatizzazioni e tagli servizi”


Roma 7 marzo –  I sindacati Usb (Unione sindacale di base) e Usi (Unione sindacale italiana) scendono in piazza con quella che hanno chiamato “Giornata dell’orgoglio capitolino” e rispondono così a chi li descrive come fannulloni. La mobilitazione chiama in causa dal vigilante al lavoratore Atac, agli insegnanti e ha come scopo ribadire l’opposizione ai tagli e alle privatizzazioni dei servizi pubblici, che sono considerati intoccabili.

Roberto Betti dell’Usb ha voluto precisare che la protesta non è contro Marino, ma serve per esprimere le proprie preoccupazioni nei confronti di ciò che avviene da mesi. I servizi pubblici devono restare tali e non devono essere svenduti. Inoltre subentra la preoccupazione per gli stipendi, dato che il contratto nazionale di categoria non cambia da 5 anni e oggi si parla addirittura di un taglio del 10-20%. Il corteo partirà da Bocca della Verità; a Piazza del Campidoglio, invece, si terrà un’assemblea. Betti ha anche aggiunto di aver chiesto di poter incontrare il sindaco Marino.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here