Sosta selvaggia: a Monteverde si fa spia a colpi di tweet


Roma, 16 Marzo – Sosta selvaggia: a Monteverde si fa spia a colpi di tweet per segnalare i trasgressori, gli acrobati del parcheggio, che troppo spesso la fanno franca, quando invece meriterebbero una bella multa, con le loro automobili abbandonato alla bell’e meglio e ad intralciare la circolazione stradale.

A spronare i cittadini ormai esausti di questa pratica, ci ha pensato il Comandante dei Vigili Urbani Raffaele Clemente, il quale ha chiesto di condividere attraverso il famoso sito di micro-blogging, twitter, le foto delle auto in sosta vietata, a corredo dei 140 caratteri, così da permettere agli agenti un intervento puntuale per multare i trasgressori.

Un un’iniziativa che, sfortunatamente, in poco tempo si è rivoltata contro Clemente, soprattutto in zona Monteverde, dove se c’è un cittadino che denuncia l’inciviltà, ce n’è un altro o altri che attaccano volantini con su scritto il nome o i nomi di chi li denuncia e che, in parole povere, recitano la parte dello “spione”.

“Lui è quello che chiama i vigili tramite twitter”, recitano i volantini, appesi sui pali della luce o su i muri del quartiere.

Insomma, se da una parte c’è chi denuncia seguendo il buon consiglio del Comandante, dall’altro lato che chi non usa mezzi termini è definisce come “infame” la persona che denuncia l’infrazione, senza mandargliele troppo a dire. La diatriba, tra il cosiddetto “giustiziere” e chi lo invita a farsi gli affari propri, riguarda nello specifico via Cerasi, dove le macchine parcheggiate sul marciapiede sono all’ordine del giorno.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here