“il mio vicino non risponde” Trovano una serra di marijuana

A volte avere dei vicini  premurosi non è quel che si dice una fortuna. Detto questo, la storia ha davvero dell’incredibile. Allertati gli uomini del 113 per il forte odore proveniente da un altro appartamento del proprio stabile, un altro inquilino e gli uomini del Commissariato Prati diretto dal dottor Bruno Failla, intervenuti pensando al peggio, si sono ritrovati di fronte ad una vera e propria serra di marijuana.

Il tutto, quando il vicino in questione aveva chiesto l’intervento della Polizia perché erano giorni che non vedeva un ragazzo, che non rispondeva a nessuna chiamata. Ipotizzando allora che il ragazzo fosse stato colto da malore, gli uomini del Commissariato Prati hanno chiesto l’intervento dei Vigili Del Fuoco per fare irruzione nell’appartamento.

Ma proprio mentre i Vigili del Fuoco erano sul punto di sfondare la porta, ecco comparire il ragazzo in questione, un giovane romano di trent’anni. A questo punto la scoperta: il forte odore, che aveva invaso il palazzo e spinto il vicino a chiedere l’intervento della Polizia, era dovuta in realtà ad una serra artigianale, che il ragazzo si era costruito in casa per coltivare marijuana.

fatti i dovuti approfondimenti, sono state ritrovate all’interno di un sacco quattro piante di marijuana dalle grosse dimensioni, un altro sacco con lo stesso stupefacente, stavolta triturato, più varie confezioni di semi. Arrestato, il ragazzo è stato condotto in Commissariato con l’accusa di produzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

sistema per produrre maijuana
Il sistema artigianale per produrre marijuana

 

Roma, 2 aprile


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here