Lazio: “Di padre in figlio”, passerella in Campidoglio

Si avvicina a grandi passi il 12 maggio e “Di Padre in Figlio”, la festa per i quarant’anni del primo scudetto della Lazio che allo stadio Olimpico vedrà un triangolare con i giocatori che hanno scritto la storia del club biancoceleste. E per l’occasione l’iniziativa arriva in Campidoglio, dove sono arrivati anche i primi numeri dell’evento: “Viste le adesioni che ci sono state, si parla di circa 60mila presenze, è un avvenimento eccezionale per la città – dice Gianni Paris, presidente del Lazio Club in Campidoglio – Ed era giusto che la Lazio più bella entrasse in Campidoglio dalla porta principale: la Lazio di Wilson, Pulici e Oddi, la Lazio del -9 di Fascetti, la Lazio del 2000. Un’amministrazione attenta come quella di Marino non poteva non dare attenzione a questa iniziativa, sarà un’occasione straordinaria ed è nostra intenzione cogliere il momento e proporre un’iniziativa di Consiglio e intitolare una strada ’12 maggio 1974′, proprio in memoria di quell’impresa di 40 anni fa”.

“Stiamo preparando l’evento da settembre, quindi la nostra festa non vuole essere una strumentalizzazione della contestazione che sta investendo l’ambiente Lazio – il commento del capitano della squadra di Maestrelli Pino Wilson – Sarà la festa di tutti noi tifosi, abbiamo voluto chiamare l’evento così, prendendo spunto da uno striscione esposto dalla Curva Nord. Una volta scelta la location, ovvero l’Olimpico, non avremmo mai pensati di arrivare a cifre simili di tagliandi venduti. La Polisportiva Lazio sfilerà prima della partita, ringrazio a tal proposito Antonio Buccioni. Alla S. S. Lazio Calcio abbiamo chiesto tre giocatori, Ledesma, Keita e Radu, e loro hanno acconsentito, per questo ringraziamo anche loro”.

“Questo deve far riflettere tutti noi, non solo la dirigenza – dice invece il portiere di allora Felice Pulici – deve far capire quanto sia importante il senso di appartenza. Chissà che non sia un punto di partenza per ricompattare un ambiene spaccato. Sia tifoseria che società dovranno fare un passo indietro per il bene di questa città straordinaria. Io sarò presente per rappresentare questo nuovo inizio, per comprendere come mai quella squadra, oggi riceve tutto questo affetto”.

Soddisfatto dell’iniziativa anche il sindaco Ignazio Marino: “Credo sia molto bello che Wilson abbia preso questa iniziativa e non sono affatto sorpreso dal successo riscosso. So bene quanto in questa città sia forte il legame con lo sport e con il calcio in particolare. Lo sport e lo stile di vita sono elementi importantissimi che devono essere ricordati nella nostra Amministrazione, in un momento in cui stiamo scrivendo il bilancio dobbiamo dare attenzione ad aree che possono sembrare meno importanti e urgenti, ma che in realtà non lo sono. Quella della Lazio è un’impresa straordinaria per quei tempi e per me è un onore aver ospitato questa presentazione. Sono sicuro che sarà regalata alla città una bellissima giornata di sport, gioia e serenità”.

Roma, 29 aprile


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here