Le “nuvole” romane di Myra Bonifazi

Dal 4 aprile al Palazzo della Cancelleria, Città del Vaticano, è in esposizione un’interessante mostra  fotografica di Myra Bonifazi, intitolata “Le Nuvole“. Interamente dedicata agli infuocati cieli di Roma, ai suoi paesaggi urbani, la rassegna presenta 30 immagini, che ruotano intorno al tema del clima, che da sempre propone eccezionali manifestazioni meteorologiche di  molteplici e mutevoli forme.

Le fotografie presentano un lavoro veramente appassionante, dove l’artista romana rivela la bellezza di quei momenti di suggestiva passione, inerente alle albe e ai malinconici tramonti romani, a cui da sempre siamo strettamente legati. Abbiamo immagini in esposizione di raggi di sole che filtrano dalle soffici nuvole, che oltre a colpire, appaiano come qualcosa di diverso da semplici fotografie; bensì si rivelano come trasposizioni di istanti non ordinari, di momenti nei quali la natura mette in scena un suo personale dramma, fatto appunto, di nubi e luce. Un ponte fra sogno e realtà, dove i scatti riassumono un mutamento continuo e infinito del cielo, che rivela un puro silenzio, una vera umiltà, la quale a sua volta non mostra né direzione e né volontà.  Ammirevole poi l’immagine del paesaggio romano, fotografato in tutto il suo splendore, che propone colori cangianti, nelle varie striature del cielo. Si resta a guardare sognanti questi soli romani, che lentamente scompaiono in lontananza. Questo fa sentire sereni, pervasi dalla bellezza di un simile momento. Nessun filtro, nessun effetto speciale, la natura a volte è semplicemente sorprendente.

Questa è l’essenza della mostra che si presenta a Palazzo della Cancelleria. Un’ esposizione dolce, che regala la  sensazione di toccare il cielo con un dito, anche se poi sappiamo, che è lontano chilometri. Ma “a noi”  a volte piace essere all’altezza della  fantasia, perché la fantasia è la base del sogno e il sogno è la base della nostra vita.

Roma, 11 aprile

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here