Smart Home: Apple si dà alla domotica. Presto l’annuncio


Un Iphone per gestire attraverso una piattaforma la casa del futuro, partendo dagli elettrodomestici di casa. A svelare la nascita della nuova piattaforma Apple ci ha pensato il Financial Times, che scrive come a Cupertino si stiano preparando a sfidare Samsung e Google nel prossimo settore high-tech delle “smart-home”.

Le fonti più informate indicano nel prossimo WWDC il luogo ideale in cui verrà lanciata ufficialmente la sfida in tal senso, per cui non si dovrà attendere nemmeno così tanto: la prossima conferenza a San Francisco di tutti gli sviluppatori. Apple come consuetudine non ha né confermato, né smentito le indiscrezioni, com’è sua abitudine, non ha confermato o smentito le voci, ma al WWDC c’è sempre posto per le novità ed il programma spesso è stato cambiato in occasioni di importanti annunci, anche perché Apple ha messo già in vendita nei suoi store prodotti domotici, con prezzi che vanno da 50 ai 250 dollari, come termostati, lampadine e interruttori ‘intelligenti’ o ancora le videocamere wireless, senza contare la Apple Tv (della quale si attende una nuova versione entro fine anno), tutti gestibili attraverso apposite App su iPhone o iPad. Inoltre, anche i nuovi sistemi CarPlay, iBeacon e AirPlay funzionano così, avvalendosi dei collegamenti Bluetooth.

La nuova piattaforma dovrebbe facilitare l’installazione e il controllo di nuovi dispositivi ‘smart home’, permettendone la diffusione. A partire dalle luci di casa che si potrebbero accedere o spegnere o meno utilizzando il proprio iPhone o iPad collegato. La casa di Cupertino in questo senso ha già registrato un brevetto; la Appple ha avviato importanti trattative ormai da tempo con un gruppo selezionato di produttori di dispositivi “smart home”, con l’obiettivo di immettere sul mercato una serie di prodotti appositi “made for Iphone”. Prodotti che naturalmente sarebbero venduti da Apple all’interno dei propri negozi a patto che questi garantiscano l’immediatezza e la facilità di utilizzo che contraddistingue da sempre i prodotti della mela. Gli Apple Store dovrebbero infatti giocare un ruolo importante nelle prossime mosse di Cupertino nell’Internet delle cose: infatti è proprio di questi ultimi giorni l’acquisizione dell’ex dirigente della casa di moda Burberry, Angela Ahrendts, a cui è stato affidato il mandato mandato per i negozi e l’e-commerce.

Roma, 27 maggio


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here