Sudafrica: Nelson Mandela Presidente il 9 maggio 1994


9 maggio 1994: Nelson Mandela viene eletto Presidente del Sudafrica. Il suo mandato è durato cinque anni, dal 1994 al 1999, ma la sua impronta sull’immagine del Paese e sulla storia del mondo è vastissima. Il suo partito, l’African National Congress (ANC), è rimasto da allora ininterrottamente al Governo del Paese.

Quando Nelson Mandela viene eletto Presidente del Sudafrica trova un Paese in gravi difficoltà a causa delle disparità nella distribuzione della ricchezza e nell’accesso ai servizi. Nel discorso a Città del Capo, ha sottolineato il bisogno di “un fondamentale cambiamento del nostro sistema politico ed economico per assicurare che le disuguaglianze dell’apartheid siano superati”. Per questo ha puntato molto sulla spesa pubblica, tanto che gli investimenti pubblici, sotto il suo mandato, sono aumentati a tal punto da portare a una crescita della ricchezza media personale degli africani del 93% dal 1993 al 2008.

Nelson Mandela viene ricordato anche per la lotta alle disuguaglianze e dal punto di vista economico il suo Governo ha introdotto gli assegni di invalidità e le pensioni di vecchiaia, che prima erano impostate a livelli diversi per i diversi gruppi razziali, e ha introdotto la parità nell’assegnazione delle borse di studio. Ha anche istituito a Commissione per la Verità e la Riconciliazione, un tribunale straordinario con il compito di raccogliere le testimonianze delle vittime dell’apartheid. Lui stesso è stato un leader del movimento anti-apartheid ed ebbe un ruolo fondamentale nella caduta di tale regime, pur trascorrendo in carcere la maggior parte degli anni dell’attivismo anti- segregazionista. Insieme al suo predecessore, Frederik Willem del Klerk, ha ricevuto il Premio Nobel per la pace nel 1993.

Grazie alla fine dell’apartheid e agli investimenti pubblici in campo economico è stato registrato anche l’aumento della scolarizzazione. Ma oltre agli elogi dovuti ai benefici delle sue azioni politiche, sono state mosse anche delle critiche a Nelson Mandela, come quella di non essere intervenuto in modo efficace contro la diffusione dell’Hiv, e lui stesso, alla fine del mandato, ammise di aver sottovalutato i rischi del virus. Altra nota negativa è costituita dalla corruzione,in crescente aumento fino ad oggi.

Dopo aver abbandonato la carica di Presidente nel 1999, ha continuato ad impegnarsi e a sostenere le organizzazioni per i diritti sociali, civili e umani. Ha ricevuto varie onorificenze, come l’Order of St. John dalla Regina Elisabetta II e il Presidential Medal of Freedom da George W. Bush. Insieme a Madre Teresa è l’unica persona ad aver ricevuto il più alto riconoscimento indiano, il Bharat Ratna, anche senza avere origini indiane. Nel 2001 è stato il primo straniero a ricevere la cittadinanza onoraria canadese.

Nel giugno 2004 ha annunciato il suo ritiro dalla vita politica e nel luglio dello stesso anno ha ricevuto, a Johannesburg, il Freedom City, la più alta onorificenza cittadina. Il 5 dicembre 2013 è morto nella sua casa di Johannesburg.

Roma, 9 maggio

 


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here