Convocazioni Mondiali: l’ira di Giuseppe Rossi, il caso Destro


Giuseppe Rossi, dopo una delle notti peggiori della sua carriera per via della bocciatura di Prandelli al Mondiale in Brasile, ha affidato a Twitter le sue reazioni dopo l’esclusione: “Tutti dicono che sono fuori forma: chiedete a chiunque i valori dei test in settimana e della partita. Vi stupirete. Contrasti? Paura? Che ridere…”.Nessuna vacanza in programma per Pepito: Rossi aveva un Mondiale da fare, contava magari di essere raggiunto dai familiari in Brasile, nel ritiro di Mangaratiba, aperto a mogli e parenti. Invece, guarderà la coppa alla tv dal New Jersey, dove rientrerà col primo volo disponibile.

L’attaccante viola, che si era infortunato il 5 gennaio, ha rincorso per cinque mesi il sogno del suo primo Mondiale, dopo essere stato escluso da Lippi alla vigilia di Sudafrica 2010 (e l’ex ct, in visita a Coverciano una settimana fa, si è pubblicamente pentito della scelta). La decisione di Prandelli è arrivata dopo la partita contro l’Irlanda di sabato sera, in cui Rossi, schierato titolare, al ct è parso ancora troppo frenato, forse più psicologicamente che fisicamente. Questa, però, la risposta di Pepito: “Arrivo col pensiero prima del difensore. La prossima volta, da dilettante, aspetto il difensore per prenderlo a calci. Piccole precisazioni che tenevo a fare. Adesso però la cosa più importante è tifare l’Italia. Forza Azzurri!”.

Si sfoga su twitter anche Mattia Destro, l’ altro escluso eccellente, per smentire di aver rifiutato il posto di riserva che Prandelli aveva pensato per lui. “Per quanto ovviamente dispiaciuto, non ho mai rifiutato alcun ruolo nella Nazionale. “Mi metterò subito al lavoro per una grande stagione con la mia squadra e con la Nazionale, che rimane un mio obiettivo primario”,scrive l’attaccante della Roma dal profilo del club giallorosso. Non rimane che da sperare nella vena degli altri attaccanti portati in Brasile da Prandelli, perché come sempre l’ unico vero giudice è il campo. Buon mondiale Italia.

Roma, 3 giugno

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here