Mondiali: Olanda inarrestabile, 2-0 al Cile. Il Brasile abbatte il Camerun


L’Olanda non vuole più fermarsi e batte il Cile 2-0 chiudendo a punteggio pieno; dopo l’inizio travolgente con la Spagna e la buona prova con gli australiani, gli olandesi non intendevano fallire quest’ultima partita del girone. I cileni partono meglio impostando l’azione e cercando inserimenti sulla trequarti avversaria, di contro gli olandesi cercano di curano la fase difensiva. Infatti dopo qualche tentativo dei cileni di scardinare la difesa avversaria al 35′ si fanno vivi gli orange con una bella punizione di Robben ma de Vrij non inquadra la porta. Al 36′ protestano i cileni per un contatto; Sanchez è toccato da Kuyt in ritardo su cross dalla sinistra di Mena, per l’arbitro è tutto regolare. Il secondo tempo inizia sulla falsa riga del primo e solo al 77′ si sblocca il risultato grazie al un bel cross da calcio d’angolo di Robben che pesca Janmaat che butta dentro dalla destra, torsione imperiosa del neo entrato Fer che incorna Bravo.  Ormai gli olandesi hanno la partita in pugno e al 92′ piazzano il definitivo ko sempre con Robben  che mette il turbo, fila via palla al piede fino alla linea di fondo e inventa un cross al bacio per Depay che anticipa Diaz e piazza il colpo in vincente. Pur impegnandosi i cileni non hanno potuto nulla contro questa bella e solida Olanda. Dall’altra parte gli olandesi sembrano seriamente intenzionati a vincere questo trofeo, visto anche come andò a finire quattro anni fa. 

Anche il Brasile non sbaglia e stende il Camerun chiudendo al comando il Gruppo A grazie alla differenza reti. Allo Stadio Nacional di Brasilia i padroni di casa battono 4-1 gli africani di Eto’o, davvero in ombra. Seconda doppietta per Neymar ai Mondiali, con l’attaccante che sale così a quota 35 reti con la maglia verdeoro. Sue le reti del doppio vantaggio al 19′ e al 35′. In mezzo il pareggio momentaneo di Matip, che sembrava potere per un attimo cambiare il canovaccio dell’incontro. Ma non è stato così, con i padroni di casa in pieno controllo e gli africani capaci solo di qualche buono scambio ma con poche idee e tanti errori. Nella ripresa il tris firmato da Fred, ma viziato da un evidente fuorigioco. E nel finale il poker di Fernandinho che regala al Brasile un ottavo di finale da brividi contro la sorpresa Cile.

Roma, 24 giugno

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here