Strade allagate, fallito il piano tombini. 3 milioni persi

Tombini otturati e inagibili, acqua che sale implacabilmente e non riesce a defluire creando voragini che si aprono nell’asfalto, sottopassi e strade allagate che intrappolano le automobili, i cassonetti e i rifiuti. È questa la situazione della Capitale che si è resa ancora più evidente con il nubifragio di pochi giorni fa. Il piano tombini messo a punto dall’assessorato ai Lavori pubblici e scattato lo scorso 2 settembre non ha dato i suoi frutti. Un piano pensato in grande con un budget di 3 milioni e mezzo di euro, “l’investimento più consistente degli ultimi cinque anni”, sottolineò allora l’assessore Paolo Masini. Ma quei 3 milioni e mezzo sono serviti per pulire soltanto 25mila dei 500mila tombini della capitale e dopo la pulizia non c’è stata un’adeguata manutenzione da parte dell’Ama, visto che ogni giorno quelle grate sono coperte da foglie, detriti e spazzatura.

“Con il piano “liberailtombino” – spiega Paolo Masini – siamo intervenuti in maniera rigorosa sulle situazioni prioritarie segnalate dal territorio ma non siamo riusciti ad andare oltre il 5% perché le caditoie a Roma sono 500mila. Il problema, come nel caso del sottopasso di Tor Bella Monaca di ieri, dove l’acqua è defluita subito, non è la pulizia dei tombini. È la capacità della rete di smaltimento delle acque, che è stata realizzata in anni di sviluppo urbanistico irregolare e oggi non adatta ad assorbire gli effetti di queste bombe d’acqua sempre più frequenti. I piani per l’allargamento della rete sono pronti. Ora servono risorse e lo sblocco del patto di stabilità”.

Questa è una storia che si ripete ormai da troppo tempo. Ad agosto 2013 il sindaco Ignazio Marino dichiarò: “È pronto il progetto di pulizia dei tombini. Lavoriamo perché un acquazzone non metta in ginocchio la città”. L’autunno, in effetti, è passato senza danni, ma il 31 gennaio scorso il disastro si è consumato in quartieri come Prima Porta e nella zona di Ostia. In quella circostanza, Marino scaricò la responsabilità sulle amministrazioni che lo hanno preceduto. “In pochi mesi – disse – non si può correggere una situazione di grave incuria”. E il Comune ha stanziato 60 milioni di euro “fermi da 7 anni, a causa del patto di stabilità”, ha detto Marino, per i lavori di manutenzione delle fogne.

E mentre si attende lo sblocco del patto di stabilità i romani restano bloccati in strada, le macchine vengono ingoiate e scoppia l’ira dei cittadini su Facebook contro il sindaco: “Marinosturailtombino”, oppure “sottoMarino”. “La rete non è in grado di assorbire piogge di 130 millimetri d’acqua in un’ora. Il problema è strutturale – ripetono in assessorato – Servono 19,7 milioni di euro per dare corso ai progetti di allargamento della rete. Renzi deve permetterci di sbloccare il patto di stabilità”.

Roma, 18 giugno


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here