Il Telefono Azzurro attiva la prima linea l’8 giugno 1987


È l’8 giugno 1987 quando, per la prima volta, il Telefono Azzurro si attiva per rispondere alle richieste di aiuto dei bambini vittime di violenza domestica. A dar vita al progetto è Ernesto Caffo, all’epoca Professore Associato di Neuropsichiatri Infantile all’Università degli Studi di Modena.

Dopo pochi giorni le chiamate aumentano, sono un centinaio, a dimostrazione della gravità del fenomeno. Nel 1990 il Telefono Azzurro è stato riconosciuto come Ente Morale attraverso un decreto del Presidente della Repubblica. Dal 1990 l’associazione usa il numero gratuito 1.96.96, gestito 2 ore su 2 da operatori volontari che rispondono alle richieste dei bambini, degli adolescenti e degli adulti.

Dal 2003 è attivo anche il numero 114, per il Servizio Emergenza Infanzia, gestito da Telefono Azzurro per conto del Ministero delle Pari Opportunità. Qui è possibile denunciare anche gli abusi e i contenuti violenti sui minori diffusi tramite internet, carta stampata, radio e tv.

Roma, 8 giugno

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here