Volley: Monteporzio Sharks, festa B2

Al PalaFonte i Monteporzio Sharks festeggiano il traguardo della B2 grazie alla vittoria per 3-1 in rimonta sulla Tigit Fenice. Sotto 1-0, la squadra biancoblu riesce a rimontare, anche se soffrendo, per poi chiudere in bellezza. Sugli scudi La Rosa, Mvp del match e autore del punto del decisivo 25-23 nel quarto parziale. Ora a Monteporzio ci si gode un sogno cullato per 5 anni.

La Cronaca (Ufficio stampa Sharks): Sarà la tensione, o la troppa voglia di far bene: sta di fatto che la partenza degli Sharks è a dir poco rovinosa: i biancoblu di Candi non riescono nemmeno a ricevere e i primi 4 punti del match vanno alla Fenice, che riesce ad amministrarli prima di piazzare il nuovo break. Il primo set termina 25-16 per gli arancioneri, “squali” non pervenuti, soprattutto a livello mentale. Nel secondo parziale, però, i monteporziani si ricompattano, Spanò e De Stefanis ritrovano ritmo e precisione in attacco e finalmente La Fenice trova un minimo di opposizione a muro. Tre errori di fila dei capitolini danno al Monteporzio il 19-16, che diventa 24-20 e poi 25-20 grazie al punto decisivo di De Stefanis. Equilibrio ristabilito, il prossimo set diventa fondamentale. Sale la tensione, aumentano gli errori da entrambe le parti e nessuno dei due sestetti prende il comando, poi alcune imprecisioni della Tigit e due “squilli” di La Rosa consentono ai biancoblu di andare avanti 16-12. De Stefanis di tocco mette a terra il 19esimo punto dei monteporziani, ancora La Rosa con un palleggio apparentemente innocuo coglie impreparati gli avversari per il 22-15. Gli arancioneri sono già al cambio cambio, è un errore in battuta a dare il 2-1 agli Sharks mentre dalla curva i numerosissimi e rumorosissimi tifosi arrivati da Monteporzio iniziano a pregustare l’impresa. Il quarto set inizia nel migliore dei modi per i ragazzi di coach Fabrizio Candi: un muro sontuoso di Margutta e altri due di un “insolito” Pietrangeli scavano il solco ma La Fenice, stavolta, sa che non può crollare. I ragazzi di Ponzo reagiscono e si “appoggiano” agli errori degli Sharks per arrivare fino al 14-14. Da quel momento in avanti, ogni punto è un piccolo passo verso la vittoria o il tie break. Si prosegue punto a punto, Di Caprio porta avanti i suoi per la prima volta nel set con la schiacciata che vale il 20-19, Margutta fa correre un brivido lungo la schiena dei supporters castellani ma è 20-20. Ancora Di Caprio, De Stefanis risponde. Spanò murato, poi si riscatta. Sul 22-22 arriva l’invasione che fa girare il set dalla parte degli “squali”, che sentono l’odore del sangue (passateci il termine) e si prendono anche il 24-22. La Tigit annulla il primo match point con bravura, poi La Rosa decide di chiuderla lì. E di portare gli Sharks in Paradiso. Al quarto tentativo i monteporziani si prendono la serie B. Ed è qualcosa di difficilmente spiegabile a parole.

Roma, 2 giugno

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here