Asaf Avidan, successo all’Auditorium: “Cerco casa in Italia”


Roma, 11 luglio 2014 – Ad un anno di distanza, è tornato alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica con la sua band, sulla scia del clamoroso successo internazionale di ‘One Day/Reckoning Song’, il cantautore e musicista israeliano Asaf Avidan. Pubblico entusiasta per l’artista che a fine concerto, nel meet & greet organizzato nell’ambito dell’iniziativa Priceless Rome, ha dichiarato il suo amore per il nostro Paese: “Mi piace molto l’Italia. Ci torno sempre volentieri e sto cercando casa qui. Questa volta sono stato a Milano, Bologna e a Roma. Mi piace la varietà di questo Paese, dei luoghi e delle persone, da Nord a Sud. E mi piace il calore, il fatto che siete mediterranei, molto simili alla mia cultura. Ma più di tutto mi piace il cibo. Mi piace tanto la pasta. E ieri ho scoperto un’altra meravigla: gli spaghetti cacio e pepe. Però a Roma guidano come i pazzi”. Ma la Capitale è comunque magica: “Io sono un grande appassionato di storia – ha raccontato – e quando viaggio per i tour, invece di ascoltare la musica ascolto lezioni di storia. Credo che la vostra sia una cultura complicata, stratificata, fatta di tanti livelli. Ieri ero in un museo e mi divertiva che ci fossero tante stanze, con così tante cose straordinarie, trovate mentre si scavava per fare la metropolitana. La trovo una cosa meravigliosa sia al livello metaforico che fisico, in quanto tirare fuori il passato ti fa capire meglio anche il presente: la corruzione c’era e c’è ancora, come l’amore. È bello e allo stesso tempo triste”.


1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here