Il postino consegna la posta solo ai civici pari: disservizi ad Ostia – Video

Roma, 19 luglio 2014 – Ad Ostia, posta soli ai civici pari, mentre per centinaia di bollette, lettere e quant’altro l’amministratore è costretto a recarsi sempre più spesso all’ufficio postale per ritirarla e distribuirla ai residenti. A farne le spese, i residenti di Via velieri.

Solo un lato della strada – sì, perché l’altro è regolarmente servito è dal postino. Accade in Via Velieri, dove alle palazzine del lato dispari non viene consegnata la posta ormai da tempo.

Contestazioni dei residenti – “Da quando la postina titolare della zona ha avuto un incidente – contesta Vilmo Galanti che abita al civico 81 – il servizio si svolge con il contagocce. Per settimane intere le buche delle lettere restano vuote, una condizione che crea ansia: mio figlio ha dovuto pagare gli interessi per due bollettini non versati nei termini”.

Consegna della posta – L’altra mattina una delegazione di residenti, con a capo l’amministratore del condominio del civico 81, il quale unisce un centinaio di famiglie, ha raggiunto l’ufficio di smistamento di Via Corrado del Greco e si è fatta consegnare la posta. La responsabile del servizio dopo essersi scusata, ha consegnato tre grossi bustoni con oltre trecento tra lettere e stampe. “Ci ha detto che era la corrispondenza di due soli giorni – spiega l’amministratore, Evaldo Sebastiani – ma ogni volta è così: se non siamo noi ad andare a ritirare la posta in ufficio, non arriva. E’ così da quando la titolare della zona ha avuto un incidente e si messa in aspettativa: prima ci hanno mandato un ragazzo trimestrale che ha faticato ad imparare la dislocazione delle consegne, poi nuovamente il caso. Ci risulta che il postino a tempo determinato è stato trasferito di zona. “Vorremmo sapere in base a quale principio il servizio funziona regolarmente sul lato opposto della strada” si chiede Amerigo Olive, uno degli inquilini penalizzati.


Lettera  legale a poste italiane – «Oltre al disagio ed ai rischi – polemizza Gianpaolo Mannucci – c’è un problema di mancata corrispondenza e di un servizio che viene pagato dagli utenti. Insomma, c’è un raggiro nei confronti di chi paga il francobollo». «Abbiamo inviato una lettera legale nella quale, appunto, chiedevamo un risarcimento del danno ma dalle Poste non è mai arrivata una risposta» afferma Sebastiani.

A Ostia succede molto spesso e in diverse zone che i postini saltino delle abitazioni. I sindacati lamentano un eccessiva estensione delle zone, con poco personale disponibile a coprirle tutte.

Risposta Poste italiane – “Dalle verifiche effettuate – risponde Posteitaliane – è emerso che gli unici rallentamenti riscontrati nel recapito degli invii postali nello specifico, sono conseguenti alla difficoltà che il portalettere incontra nel consegnare ingenti quantitativi di corrispondenza non correttamente indirizzata. Infatti, il civico in questione è in realtà un nucleo abitativo costituito da 8 scale che riportano lo stesso numero civico, generalmente non indicate espressamente sulla posta da recapitare, dove risiedono circa 120 famiglie“.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here