Il pronto soccorso del sesso, per evitare l’infedeltà e la separazione


In Italia dal primo luglio è attivo, a Napoli (Policlinico Federico II), il pronto soccorso del sesso e i Dipartimenti del Benessere di Coppia saranno attivati presto anche a Milano, Bari e Modena. L’iniziativa è promossa dalla Società Italiana di Urologia(SIU) e dall’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (AOGOI) per i disturbi della sfera sessuale, il primo progetto di questo genere in Europa. La necessità di un pronto soccorso del sesso risponde alla domanda (non espressa, ma riscontrata) di 16 milioni di italiani, che godono di uno scarsissimo benessere sessuale. Circa 800 mila coppie sono a rischio separazione o infedeltà e il 20% delle separazioni hanno  all’origine problemi sessuali, che vedono parimenti coinvolti donne e uomini. Senza dimenticare i circa 20 mila matrimoni bianchi (nei quali il sesso è assente).

Gli esperti dicono, infatti, che raramente è solo un componente a dover risolvere la situazione e i numeri confermano: ci sono circa 8 milioni di donne che soffrono di disturbi come anorgasmia , vaginismo, dolore alla penetrazione, disturbi del desiderio. Inoltre sono circa 8 milioni gli uomini che soffrono di disfunzioni erettili, eiaculazione precoce e calo del desiderio.

“Una buona salute sessuale” – dichiara Antonio Chiantera, Segretario Nazionale AOGOI – “e’ riconosciuta come base fondante nella qualità della vita delle persone anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e le donne, sempre più consapevoli e realizzate, vorrebbero anche una vita sessuale sempre più piena e appagante. Ma quasi in un caso su due devono fare i conti con le difficoltà citate oltre che con il calo del desiderio, che il più delle volte riguarda entrambi i partner”.

“Chi ne soffre”, spiega Vincenzo Mirone, segretario generale della Società italiana di urologia “riconosce che questi disturbi minano il benessere della coppia, ma nel 90% dei casi non affronta il problema e non sa che oggi sono disponibili nuovi trattamenti e cure più efficaci e rapide di quelli finora utilizzati”. Che sia ancora un tabù per molti? Come sottolinea Mirone: “Sono problemi che non riguardano solo un partner, ma la coppia. Per tale motivo, la coppia pagherà un solo ticket e avrà a disposizione un ginecologo, un urologo e una cartella clinica condivisa”. Ci si augura che tutti, uomini e donne, possano godere di una buona salute sessuale: da adesso le soluzioni degli esperti sono ancora più alla portata dei cittadini.

Roma, 6 luglio


1 COMMENTO

  1. […] post Il pronto soccorso del sesso, per evitare l’infedeltà e la separazione appartiene a […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here