Campidoglio, Ignazio Marino: “Premi a dipendenti onesti e multe ad assenteisti”


Roma, 3 agosto 2014 – No tagli agli stipendi dei dipendenti comunali, sanzioni per gli assenteisti e premi ai dipendenti onesti e duemila vigili a monitorare il territorio della Capitale. Questo quanto detto dal sindaco Ignazio Marino in un’intervista al Messaggero in risposta alle polemiche dei sindacati sul cosiddetto salario accessorio dei lavoratori del Campidoglio.

La difesa delle nuove norme – “Non sono un uomo di partito – afferma – da chirurgo ero abituato ai risultati immediati. Ma oggi rispetto alla prima fase di studio, con il Pd romano si è creato un maggiore spirito di squadra“.

Metro C, emergenza rifiuti e nuovo stadio – “I rapporti con Renzi sono ottimi, ci ha permesso di riparare in tre anni il disastro economico passato. E ha difeso il ruolo di Roma per completare la più grande opera infrastrutturale del Paese, la metro C“. Poi l’emergenza rifiuti. “Prima la città era sporca e i romani pagavano dipendenti che non lavoravano” dichiara Marino. “Con Fortini – presidente e Ad di Ama nettezza Urbana – le cose sono migliorate“. Infine perplessità sul progetto del nuovo stadio della Roma a Tor di Valle. “Alcuni aspetti non sono adeguati – dice Marino -, ho perplessità sulle cubature e sui trasporti“.

I Testi di tutte le canzoni del Festival di Sanremo 2020
TUTTE LE CANZONI DI SANREMO 2020

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here