Dà fuoco al marito pedofilo che abusava della figlia:” Sparargli era troppo gentile”


Roma, 5 settembre 2014 – Dà fuoco al marito pedofilo dopo aver scoperto che l’uomo abusava sessualmente della figlia. La tragedia si è consumata nello stato americano di Washington. Tatanysha Hedman, 40 anni dopo aver scoperto l’atroce verità, ha sorpreso nel sonno il marito, Vincent Phillips di 52, lo ha cosparso di benzina dandogli poi fuoco. Il tutto in pochissimi secondi.

Le parole della donna – Arrivati sul luogo del crimine, gli agenti si erano persuasi che si sarebbero trovati di fronte all’ennesima lite coniugale finita in tragedia, ma così non è stato. La donna non ha avuto remora nello spiegare invece quello che era successo e i motivi del suo gesto, raccontando degli abusi di cui si era reso responsabile il marito nel corso del tempo sulla loro figlia di soli sette anni. Incredibili le parole pronunciate dalla donna a giustificazione della decisione presa di dare fuoco all’uomo:

Sparargli sarebbe stato troppo gentile. Una bestia simile merita di soffrire molto di più

Soccorso da un commesso – A soccorrere il marito-pedofilo il commesso di un negozio nei pressi dell’abitazione della coppia. Il ragazzo è andato in aiuto dell’uomo dopo che questi si era precipitato urlando in strada un ragazzo. Il 52 enne ora è in stato di fermo con l’accusa di abusi sessuali su minore, mentre la donna per aggressione e incendio doloso.

Nel frattempo, viene ricambiato con la stessa moneta e violentato, leggete qui.

4 COMMENTI

  1. […] Ma c’è chi anche si vendica con il fuoco, leggete qui. […]

  2. […] Dà fuoco al marito pedofilo, che abusava della figlia:” Sparargli era troppo gentile” sembra essere il primo su […]

  3. […] tanti casi che in tutto il mondo stanno facendo scandalo. Oltre a quelli registrati in Brasilee a Washington, solo un mese fa un altro caso in Bolivia aveva creato scalpore: un ragazzino aveva stuprato una […]

  4. […] tanti casi che in tutto il mondo stanno facendo scandalo. Oltre a quelli registrati in Brasile e a Washington, solo un mese fa un altro caso in Bolivia aveva creato scalpore: un ragazzino aveva stuprato una […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here