Gli attentati dell’ 11 settembre 2001 che hanno messo in ginocchio gli Stati Uniti

Roma, 11 settembre 2014 – Gli attentati che si sono verificati l’ 11 settembre 2001 hanno cambiato per sempre un intero Paese, che è stato travolto dalla paura e si è scoperto vulnerabile. Gli attacchi, organizzati e realizzati da un gruppo di terroristi di Al Qaeda, hanno avuto come obiettivi  alcuni luoghi civili e militari degli Stati Uniti. La mattina dell’ 11 settembre i terroristi hanno preso il comando di quattro aerei diretti in California: due sono stati dirottati verso le Torri Gemelle, contro le quali si sono schiantate; un altro è stato dirottato contro il Pentagono e un quarto volo, che aveva come obiettivo la Casa Bianca, è precipitato in Pennsylvania.

Subito si è creata una grande confusione e il traffico aereo civile internazionale è stato bloccato per tre giorni. I danni sono stati immensi:  dopo quasi un’ora di incendio, alle 9:59 è crollata la Torre meridionale; la Torre settentrionale è crollata quasi mezz’ora dopo, alle 10:28, dopo un incendio di 102 minuti. Proprio il crollo di questa torre ha messo in pericolo l’integrità delle World Trade Center, poi collassato nel pomeriggio.

Oltre alle Torri Gemelle e al complesso del World Trade Center, hanno subito danni anche vari palazzi situati nelle zone limitrofe. Danni gravi anche per una porzione del Pentagono in seguito all’incendio causato dall’impatto con l’aereo.

Immediatamente sono state inviate 200 unità del New Yrok City Fire Department per iniziare le operazioni di salvataggio. Il grande caos generato dagli attentati ha reso difficile una corretta comunicazione tra vigili del fuoco, polizia e soccorsi, tanto che quando il Dipartimento di polizia ha ricevuto notizie dagli elicotteri in volo non è stato in grado diffondere l’ordine di evacuazione ai comandi dei vigili del fuoco. 2974,  questo è il numero totale delle vittime.

Il 2 maggio 2002 è terminata la rimozione dei detriti. Subito dopo è stato avviato un processo di ricostruzione e nel 2006 è stata completata una nuova torre, la Freedom Tower. A Ground Zero sono state affisse immagini delle vittime, 2974 ( esclusi gli attentatori). Nel 2006 è stata istituita una gara per stabilire un progetto di un monumento da costruire dove prima sorgevano le Torri. Ha vinto il progetto di una coppia di piscine riflettenti, circondate da un monumento sotterraneo . sul monumento è possibile leggere i nomi delle vittime. A Ground Zero sono sorti anche un parco e un museo.

Gli attentati dell’ 11 settembre ben presto hanno lasciato spazio alle teorie e ai complotti. Un dubbio riguarda la tempestività dell’intervento mila tare,accusato di aver ritardato le operazioni di soccorso; ancora più dubbi sono stati causati dal crollo delle torri: la temperatura raggiunta con l’incendio dovrebbe aggirarsi intorno ai 925°, insufficienti per fondere l’acciaio di strutture imponenti come le Torri gemelle.

Negli anni c’è anche chi ha affermato la responsabilità di alcune personalità statunitensi, che, nonostante fossero a conoscenza del pericolo, hanno deciso di non prevenire gli attacchi. Teorie e complotti muteranno nel tempo, ma la cosa certa è che gli attentati dell’ 11 settembre 2001 hanno cambiato per sempre non solo gli Stati Uniti, ma anche il resto del mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here