Il Bologna Football Club viene fondato il 3 ottobre 1909


Roma, 3 ottobre 2014 – Il Bologna Football Club è stato fondato il 3 ottobre 1909 nella birreria Ronzani, come “sezione per le esercitazioni di sport in campo aperto” del Circolo Turistico Bolognese. Primo presidente della squadra è stato nominato Louis Rauch, mentre alla vicepresidenza è stato nominato Guido Della Valle.

Importante anche il ruolo di Emilio Arnstein, che appena arrivato in città ha cercato i ragazzi per fondare anche a Bologna un football club. Nel 1910 il Bologna Football Club si è separato dal Circolo Turistico e ha adottato le maglie con le strisce verticali rosse e blu.

Per due volte la formazione ha vinto il Campionato Emiliano, ma nei primi due anni non è riuscita ad accedere alla finale per scudetto contro la vincente del Girone Ligure-Lombardo-Piemontese (il Bologna Football Club giocava nel girone Veneto-Emiliano), cosa che è successa anche dal 1912 al 1915.

Con l’inizio della prima guerra mondiale il calcio non è stato praticato, ma con la ripresa del gioco è iniziato un periodo d’oro per la squadra emiliana. Nel 1920-21 è avvenuta la sconfitta nella finale di Prima Categoria con la Pro Vercelli e un’altra finale di lega Nord è stata persa nel 1924 contro il Genoa. Ma nella stagione 1924-25 è arrivato il primo scudetto, nella vittoria per 2-0 contro il Genoa.

In quello stesso periodo è iniziata la costruzione dello Stadio del Littoriale, poi inaugurato il 29 maggio 1927 con l’incontro Italia-Spagna, finito 2-0 per gli Azzurri. Il 6 giugno si è giocata anche la prima partita di campionato, finita con una vittoria degli emiliani per 1-0 sul Genoa.

Negli anni Trenta la squadra ha vinto la Coppa Europa Centrale 1932 e 1934; nel frattempo è stato nominato presidente Renato Dall’Ara. Nella seconda metà degli anni Trenta sono arrivati gli scudetti nelle stagioni 195/36, 1936/37, 1938/39 e il Trofeo dell’esposizione vinto a Parigi nel 1937.

Anche gli anni Quaranta sono iniziati nel migliore dei modi: nello scontro Bologna-Ambrosiana/Inter i rossoblu hanno vinto il campionato. Dopo la fine della seconda guerra mondiale il Bologna non è riuscito a piazzarsi in posizioni alte, anzi, ha rischiato più volte di andare in Serie B.

Negli anni Cinquanta è iniziata la fase di ricostruzione, ma nella stagione 1951-1952 il Bologna si è salvato grazie a un solo punto in più rispetto alla Lucchese, squadra retrocessa. In seguito è avvenuta la risalita e il Bologna è tornato ad occupare posizioni più alte, come sesto e quarto posto.

La stagione 1963/64 è quella che ha permesso al Bologna di conquistare il suo settimo scudetto: dopo la squalifica ad alcuni giocatori e al medico accusati aver assunto sostanze dopanti, la squadra si è vista togliere tre punti, ma questi poi sono stati riassegnati una volta constata l’innocenza, permettendo alla squadra di riprendere la corsa allo scudetto.

Il campionato è finito a pari punti con l’Inter e questo ha portato allo spareggio giocato il 7 giugno 1964 e vinto per 2.0 dagli emiliani. Solo tre giorni prima è venuto a mancare il presidente Renato Dall’Ara. Negli anni Settanta non sono state raggiunte grandi posizioni in campionato, ma nella stagione 1973/74 il Bologna è riuscito a vincere la Coppa Italia.

Nella stagione 1981/82 il Bologna è retrocesso e ha fatto debuttare Roberto Mancini, poi ceduto alla Sampdoria. Dopo la Serie B è arrivata anche la Serie C1 e la risalita in A è avvenuta verso la fine degli anni Ottanta.

Agli inizi degli anni Novanta i felsinei sono nuovamente retrocessi. Nel 1993 il Bologna Football Club ha rischiato il fallimento a causa della messa in mora della società ed è nuovamente retrocesso in Serie C1. Nella stagione 1995/96 è stata portata a termine la risalita in Serie A.

Verso la fine degli anni Novanta sono stati raggiunti buoni risultati: con accesso in Coppa UEFA e semifinale di Coppa Italia. Gli anni Duemila sono iniziati con le contestazioni dei tifosi a causa della campagna acquisti fatta dalla società e per questo il presidente Gazzoni ha dato le dimissioni, lasciando il suo posto a Renato Cipollini.

La squadra è stata affidata nuovamente a Carlo Mazzone, già allenatore nel campionato 2003/04,che, dopo aver rinnovato il contratto, ha lasciato dopo la retrocessione del 2005. La promozione è arrivata nella stagione 2007/08 e nel frattempo è stato annunciato che il presidente Cazzola ha trovato l’accordo per cedere il Bologna a Renzo Menarini, al quale poi è subentrata la figlia Francesca.

Nella stagione 2013/14 il Bologna Football Club è nuovamente retrocesso e il 25 settembre 2014 è stato annunciato che Massimo Zanetti ha acquistato le quote di maggioranza del club, anche se fino a fine stagione resterà presidente Albano Guaraldi.

 


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here