Giovanni Mantovani (Aiit): “Le pedonalizzazioni andavano pensate”


Il problema di Roma è l’insufficienza di trasporto pubblico ma le pedonalizzazioni andavano pensate meglio, è stata fatta un’accelerazione esagerata sui Fori Imperiali senza offrire una valida alternativa“. A parlare è Giovanni Mantovani, presidente dell’Aiit (Associazione Italiana per l’Ingegneria del Traffico e dei Trasporti). “La pedonalizzazione spinta – prosegue – si mette in atto solo quando si offre una valida alternativa. Chi oggi invece di 20 minuti ci mette il doppio del tempo per arrivare a destinazione non ha un vantaggio e inquina di più. Il livello di motorizzazione di Roma è molto più alto rispetto alle altre città europee: abbiamo circa 700 auto ogni 1000 abitanti, mentre a Berlino e a Parigi sono sotto i 500. Questo significa che ci si muove con i mezzi propri perchè il trasporto pubblico non offre prestazioni competitive. E la Metro C non basterà a colmare questo tragico gap”.

Per il presidente dell’Aiit Giovanni Mantovani “riguardo alla pedonalizzazione del Tridente servirà più tempo per vederne le ricadute. Per adesso sta provocando problemi“. In ogni caso “bisogna capire che Roma deve investire sui trasporti e sui tram, gli unici in grado di portare masse di persone. E poi dovrebbero essere intensificate le corsie preferenziali, ove possibile per i mezzi pubblici. Altra cosa che si dimentica: fare i piani va bene ma soprattutto rispettarli è importante”.

16 ottobre 2014


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here