Nidi senza fondi al X Municipio, Visconti-Santori: “Ora vogliamo chiarezza”

I genitori non ci capiscono più nulla, le educatrici costrette da mesi senza stipendio se ne vanno e la vicenda che sta riguardando i due asili nido privati convenzionati sulla Tiburtina sembra ancora lontana da una soluzione. Si tratta dei nidi Bimbilandia e Giocolandia che ospitano complessivamente 250 bambini, alcuni dei quali in regime di convenzione con il Comune. È per questo che al X municipio e l’unica proprietà dei due nidi continuano a rimpallarsi la responsabilità di quanto sta accadendo. “Non sappiamo più cosa fare – ci dice una mamma fuori al nido Giocolandia di via Montecassiano stamattina – le educatrici si sono dimezzate, ai nostri figli non viene da giorni assicurato un pasto completo e il municipio continua a sostenere che non ha alcuna responsabilità in merito”. Proprio la vicenda ruoterebbe intorno a svariate centinaia di migliaia di euro che il municipio X deve alle strutture, ma tali fondi debbono essere corrisposti dietro il pagamento e la presentazione del DURP da parte delle strutture stesse. niente DURP e dunque niente fondi, e così la situazione non si sblocca. Il presidente di Movimento Capitale Marco Visconti insieme al consigliere regionale Fabrizio Santori fanno sapere di essere pronti ad andare in fondo alla questione e in una nota congiunta affermano “Il municipio deve chiarire subito la vicenda, e in ogni caso il comune deve farsi carico di risolvere i disservizi che, qualunque sia la ragione specifica, non possono nella maniera più assoluta ripercuotersi su bambini e famiglie e – aggiungono- presenteremo una interrogazione scritta nelle sedi istituzionali affinché nei nidi Bimbilandia e Giocolandia si torni immediatamente alla normalità. Ogni diatriba, sia nel merito sia nella legittimità eventualmente sorta tra amministrazione e proprietà -concludono Visconti e Santori – prosegua per le vie opportune ma senza pregiudizio per tutti quei bambini regolarmente iscritti alle graduatorie comunali e destinati a queste due strutture”.

8 ottobre 2014

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here