Ponte Mammolo, blocco ai tornelli della metro B


“No alla privatizzazione”, slogan dell’ennesima protesta messa in atto da movimenti, studenti e lavoratori della logistica. Presidi e cortei da via di Salone a via Sambuci in mattinata. Intorno alle 13:30 di oggi, alla metro di Ponte Mammolo, i tornelli erano aperti, come azione della protesta messa in atto dai Movimenti per il diritto all’abitare insieme in mobilitazione per una giornata di ‘sciopero metropolitano, logistico e sociale’ che ha avuto luogo in tutte le città italiane. Una decina di persone si è riversata presso i tornelli della stazione metropolitana di Ponte Mammolo con in mano cartelli con scritte: “Libertà di movimento” e “Reddito per tutti”. Hanno sbloccato i tornelli per la vidimazione del biglietto per opporsi alla privatizzazione dei trasporti.

La giornata è iniziata molto presto, intorno alle 5, quando gli attivisti, con picchetti, presidi e blocchi dei lavoratori della logistica hanno iniziato il loro corteo. Da via Salone il corteo è partito intorno alle 11 della mattina, per continuare poi per un breve tratto su via Tiburtina e terminato in via Sambuci davanti a una occupazione dei Movimenti. Questi spiegano: “Oggi siamo scesi in piazza mettendo in pratica un’unione delle lotte. Un’unione che ritroviamo anche nella vita di tutti i giorni dal momento che molti dei lavoratori che hanno protestato questa mattina vivono nelle occupazioni”.

Inoltre, nella cittadella dell’Università La Sapienza, un gruppo di studenti del collettivo Sapienza Clandestina ha occupato un nuovo spazio. Rinominato poi Lucernario 2.0, in nome dello spazio sgomberato questa estate sempre all’interno dell’Università.

16 ottobre 2014


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here