Settembre non perdona, in Italia 2 ragazzi su 10 abbandonano la scuola


Il ritorno sui banchi di scuola non è sempre accolto bene dagli studenti: ogni anno infatti, circa 2 ragazzi su 10 abbandonano la scuola oppure tendono a frequentare le lezioni talmente di rado che ogni possibilità di successo formativo è un progetto lontano. Per contrastare il fenomeno della dispersione scolastica – condizione che mette molti giovani a rischio di bullismo, violenza, microcriminalità ed esclusione sociale – che ogni anno coinvolge oltre 600 mila ragazzi tra i 10 e i 16 anni, WeWorld Intervita nel 2012 ha dato vita a “Frequenza200”, la prima piattaforma on line che opera sul territorio nazionale per far fronte a questa problematica sociale. In Italia i dati relativi alla dispersione scolastica sono allarmanti. Il nostro Paese è in fondo alla classifica europea con il 17% di ragazzi che abbandonano gli studi ( la media degli altri stati appartenenti all’Unione Europea è pari al 11,9%) e continua a scontare il divario con gli altri Paesi, come ad esempio la Germania dove la quota è sensibilmente più bassa (9,9%), o la Francia (9,7%) e il Regno Unito (12,4%)2.
Nel Sud italia e nelle Isole la problematica è sempre più accentuata: vi sono regioni ben lontane dalla media europea, come la Sardegna che registra il 25,5 % ( in aumento), seguono la Sicilia con il 24,8%, la Campania con il 21,8% e la Puglia con il 17,7% ( in aumento).
Il problema resta comunque di carattere nazionale, tuttavia tra le regioni in cui i ragazzi completano gli studi troviamo il Molise (solo il 10% di abbandoni), tra quelle invece in cui il successo formativo rischia di divenire un miraggio la Valle d’Aosta.

14 Ottobre 2014


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here