L’alluvione del Tanaro il 6 novembre 1994

L’alluvione del Tanaro è un evento accaduto tra il 5 il 6 novembre e ha colpito soprattutto le province di Cuneo, Torino, Asti e Alessandria, vittime dell’esondazione dei fiumi Po e Tanaro e dei lori affluenti. Tutto si è verificato dopo giorni di piogge, che hanno fatto registrare la caduta di oltre 600mm di acqua in due giorni, e a risentire maggiormente è stato il Tanaro, che è cresciuto di livello. Già il 5 novembre si è formata un’onda di piena a Garessio e questa ha distrutto i vari centri abitati situati lungo le sue sponde.

Nei giorni dell’alluvione il Tanaro ha sfiorato l’altezza di 9 metri nei pressi dell’idrometro di Farigliano, 3 metri in più rispetto al precedente livello; a pochi chilometri della confluenza nel Po, che ha raggiunto nelle prime ore del 7 novembre, il Tanaro è arrivato a toccare 8,50 metri di livello idrometrico.

Anche il torrente Belbo in quei giorni si è gonfiato a tal punto da arrivare a distruggere quasi tutto il suo fondovalle, colpendo in particolar modo comuni come Rocchetta Belbo, Cossano Belbo, Santo Stefano Belbo, Incisa Scapaccino e Canelli.

L’alluvione del Tanaro ha avuto conseguenze devastanti: circa 70 vittime e 2.226 sfollati.

6 novembre 2014

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here