Croce Rossa italiana: a rischio oltre mille posti, presidio domani 4 dicembre al Pantheon


Dal 2015 saranno a rischio oltre mille posti di lavoro alla Croce rossa di Roma. Per questo i lavoratori della Cri saranno in piazza del Pantheon, in un presidio domani, 4 dicembre, alle ore 10, per chiedere l’impegno del Governo e del Parlamento a risolvere la questione. “Chiediamo di varare norme adeguate alla gestione della delicata vertenza“, si legge in una nota firmata da Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Pa, Fialp-Cisal. “La privatizzazione della Croce Rossa“, dicono i sindacati, “sta producendo, come da tempo da noi paventato, un peggioramento dei servizi alla cittadinanza e dal prossimo gennaio 2015 un rischio di riduzione degli attuali livelli occupazionali. L’incapacità istituzionale a gestire correttamente il processo di privatizzazione, l’insufficienza dello strumento legislativo, il dl 178, e il gioco dello scarica barile tra ministero vigilante (Salute) e quello della Funzione Pubblica hanno fatto sì che i passaggi da mettere in campo per salvaguardare i posti di lavoro ed il livello salariale fossero attivati con ritardo inaccettabile, con la conseguenza di non produrre l’effetto auspicato“.

Abbiamo chiesto“, continuano le associazioni di categoria, “alla ministra Marianna Madia, che ha promesso che nessuno perderà il suo posto di lavoro, di avviare un tavolo politico che faccia da cabina di regia alla delicata fase di privatizzazione in maniera da salvaguardare i posti di lavoro e favorire le mobilità verso altre amministrazioni. Ad oggi non abbiamo avuto alcuna risposta né convocazione“.

3 dicembre 2014

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here