Ecco Mr Turner, il pittore alternativo dei primi dell’ 800 sbarca nei cinema della Capitale


Uscito timidamente  il 29 gennaio  nelle sale romane, il film sulla vita di un pittore eccentrico dei primi del ‘800. Eccentrico, anarchico, vulnerabile, imperfetto, inaffidabile, rozzo, falso, egoista, cattivo. Ma anche talentuoso, generoso, appassionato e capace di slanci poetici: Mr Turner, un gigante tra gli artisti, un pittore dissoluto e scanzonato.  Inaffidabile, umorale, ombroso, un orso cinico  ed egoista con Turner si entra in empatia  non senza un certo grado di senso di colpa e principalmente attraverso quella postura da mr. Hyde messa in scena dall’attore  Timothy Spall, immensa e grande (non solo fisica) antenna catalizzatrice di tutto ciò che avviene, un acuto osservatore, una spugna che assorbe il mondo e la vita che lo circonda, egocentrica figura del peggio che rimanda,  una figura  che tutto prende e pochissimo rilascia tanto  che ad ogni suo “grugnito” scatti una piccola risata. Due ore di piacevolissima sintesi di tutto il peggio e il meglio di un essere umano e di un grande artista. Amante di donne mature ma poco incline a stabilire rapporti affettivi stabili o a impegnarsi in relazioni durature, viaggia molto per esporre e per ammirare quello che poi dipingerà. Spassoso, imperdibile, consigliabile.

31 gennaio 2015 


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here